18 giugno, Bersaglieri in festa

Di Francesca Cannataro

Foto di Lia Stani

Roma. Era il 18 giugno del 1836 quando il re Carlo Alberto accolse la proposta di Alessandro Ferrero de La Marmora autorizzando la creazione della prima compagnia del Corpo dei Bersaglieri. Dal fervore e dalla tenacia di Alessandro La Marmora, nacque l’idea di creare un corpo speciale, particolarmente scelto e addestrato in grado di concentrare al massimo abilità, ardimento e rapidità d’azione.

Una compagnia del Primo Reggimento Bersaglieri di Cosenza durante la rivista militare del 2 giugno.

Così saltando la catena gerarchica, dopo diversi tentativi, La Marmora presentò direttamente al Re Carlo Alberto di Savoia la sua “Proposizione per la formazione di una compagnia di Bersaglieri e modelli di uno schioppo per l’uso loro”. Il re, con Regio Decreto, il 18 giugno 1836 autorizzò la costituzione della Prima Compagnia del Corpo dei Bersaglieri. Nacquero così i Bersaglieri che dovevano avere grande resistenza alle fatiche, per effettuare tanti e rapidi spostamenti, ottima mira con la carabina e intelligenza, per trovarsi sempre al posto giusto nel momento giusto.

Avvenimenti, vicende, momenti preziosi di una storia illustre, quella dei Bersaglieri.A raccontarlo sono i fatti che seguendo le trame del tempo e partendo dalla Prima Guerra d’Indipendenza, nel lontano 1848, passando dalla Breccia di Porta Pia, giungono fino alle numerose missioni di pace all’estero in cui i bersaglieri sono tuttora impegnati.

Una compagnia del Primo Reggimento Bersaglieri di Cosenza durante la rivista militare del 2 giugno.

Una storia lunga 178 anni fatta di importanti pagine scritte dai bersaglieri e di simboli come il cappello, inclinato e con una piuma nera, elementi funzionali a proteggere l’occhio che mira tanto dalle intemperie quanto dal sole; i cordoni verdi, che servivano a mantenere la fiaschetta della polvere da sparo; il Fez dono scambio con gli Zuavi francesi nella guerra di Crimea. Una storia che dal passato arriva fino ad oggi e parla di passato, presente e futuro.

 

.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore