Aeronautica Militare, concluso il 3° corso di sopravvivenza in mare basico per gli allievi AUPC dell’Accademia di Pozzuoli

Pozzuoli (Napoli). Una rappresentanza di allievi del corso Zodiaco 5°, del 125° corso AUPC (Allievi Ufficiali Piloti di Complemento) ed un Sottufficiale della Marina Militare hanno svolto, nei scorsi,  il 3° corso di sopravvivenza in mare presso l’Accademia Aeronautica di Pozzuoli (Napoli) ed il Distaccamento Straordinario dell’Aeronautica Militare di Miliscola.

Uno dei frequentatori del corso

E’ stata effettuata un’attività esercitativa per simulare l’attivazione delle procedure di soccorso e recupero in mare a seguito di lancio con il paracadute, atterraggio di emergenza o ammaraggio, tale da consentire ai frequentatori di addestrarsi e mettere in pratica le differenti tecniche di nuoto, di salvataggio ed utilizzo dei materiali in dotazione.

Per l’occasione è stato impiegato un elicottero HH-212 del 21° Gruppo Volo del 9° Stormo di Grazzanise (Caserta).

Un HH212 impiegato in addestramento

L’addestramento, iniziato con lo svolgimento di attività teoriche a cura del personale del 17° Stormo dell’Arma Azzurra, è parte del corso di sopravvivenza in mare basico durante il quale sono state illustrate le tecniche di sopravvivenza in mare e le procedure di recupero.

Il corso ha inteso far acquisire le nozioni per una corretta gestione di potenziali situazioni di emergenza ed operare in condizioni di efficacia e sicurezza a seguito di recupero effettuato dai velivoli di ricerca e soccorso dell’Aeronautica Militare.

Per i frequentatori, che hanno vissuto l’esperienza con impegno e determinazione, si è trattato di un momento peculiare per la loro formazione militare e professionale e di un importante arricchimento del rispettivo bagaglio di competenze e conoscenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore