Aeronautica Militare: il Maggiore Roberto S. prende il comando del IX Gruppo Caccia del 4° Stormo di Grosseto

Grosseto. Mascherine e distanze sociali hanno fatto da cornice al passaggio di consegne avvenuto, nei giorni scorsi, all’aeroporto “Amedeo d’Aosta”- sede del 4° Stormo – tra il Tenente Colonnello Michele N., comandante uscente del IX Gruppo Caccia e il Maggiore Roberto S., comandante subentrante.

I due comandanti (cedente e subentrante) con il Generale di Brigata Aerea, Urbano Floreani

Una cerimonia sobria e ristretta al solo personale del IX Gruppo ma in linea con lo spirito che caratterizza il “Meraviglioso”.

Con circa 6.500 ore di volo, 3600 sortite e 750 turni di allarme per garantire la difesa dello spazio aereo nazionale e NATO, si chiudono i quasi due anni di comando del Tenente Colonnello Michele N..

Sono stati 629 giorni in cui il IX Gruppo è stato protagonista in missioni di difesa e di contrasto in giro per il mondo arrivando, nella seconda metà del 2019, ad essere impegnato contemporaneamente su tre fronti internazionali: Islanda, Kuwait e Romania oltre a quello di difesa dello Spazio Aereo nazionale.

Un momento della cerimonia del cambio di comando al IX Gruppo Caccia

Un significativo sforzo per la linea F2000 e per il personale del Gruppo che però si è costantemente distinto per professionalità, passione, dedizione e voglia di fare.

“Non ho remore nel dire che oggi per me cambia tutto perché sono costretto a chiudere il libro da protagonista della vita operativa. Ho cercato di imparare ogni giorno da tutti, ho cercato di travasare la mia esperienza ispirando la mia azione di comando all’esempio e allo spirito di maestri, senza considerare grado o età. Questa parentesi della mia vita è stata indimenticabile solo grazie a voi. Grazie!”

Con queste parole si è chiuso l’intervento del comandante uscente che ringrazia sentitamente i suoi uomini per averlo sempre supportato, corretto e per avergli fatto da guida.

Il Tenente Colonnello Michele N. lascia il Gruppo per frequentare il prestigioso Air War College negli Stati Uniti.

Ad assumere il comando del “Meraviglioso” il Maggiore Roberto S..

A lui l’onere e l’onore di un incarico professionale che ha visto prima di lui nomi quali quello dell’attuale capo dello Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea, Alberto Rosso e del capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Enzo Vecciarelli.

Il Maggiore ha voluto ricordare l’importanza di valori e sentimenti quali il rispetto, la fiducia e la passione, ponendo l’accento soprattutto su quest’ultima “che ci spinge a fare sempre meglio il nostro lavoro, che spesso ci porta lontano da casa per assolvere il nostro dovere con la voglia di raggiungere obiettivid’eccellenza, perché un Gruppo non è fatto solo di passione e volontà ma anche di traguardi raggiunti”.

“Respiriamo un’aria impregnata di tradizioni – ha aggiunto il Generale di Brigata Aerea, Urbano  Floreani, comandante del 4° Stormo – orgoglio e sacrificio ed è proprio nel ricordo di chi ha servito prima di noi e ci ha lasciato una eredità così pesante che ci sentiamo piccoli e ritroviamo la giusta dose di umiltà. Ringraziare ci dà la possibilità di scrivere oggi la nostra pagina di storia su un libro già iniziato e ricco di gloria è un doveroso segno di rispetto  per chi ha vissuto una vita di sacrifici e privazioni”.

​Il IX Gruppo è uno dei Gruppi di volo che assicura quotidianamente il Servizio di Sorveglianza dello Spazio Aereo Nazionale.

Compito istituzionale del 4° Stormo è quello di “assicurare la difesa aerea dell’area di interesse nazionale, concorrendo al controllo, sin dal tempo di pace, dello spazio aereo relativo ed effettuare operazioni di difesa aerea nelle aree assegnate, nel quadro di partecipazione a operazioni internazionali e gestione della crisi”.

Nello specifico, il Reparto è impegnato nel servizio di allarme, 365 giorni all’anno, 24 ore al giorno, attraverso l’impiego del velivolo Eurofighter. Inoltre, il 4° Stormo si occupa di assicurare la conversione operativa dei piloti della Forza Armata da impiegare nella linea F2000.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Autore