Afghanistan, i militari italiani del Comando NATO di Herat hanno condotto altri addestramenti a supporto delle Forze di Sicurezza locali

Herat. I militari italiani del Comando NATO di Herat hanno condotto, nei giorni scorsi, hanno condotto un’intensa fase di “assistenza e consulenza a domicilio” a favore dell’Afghan National Defence Security Force (ANDSF).

Gli istruttori italiani dell’Operational Coordination Center Advisor Team (OCC-AT) hanno condotto quotidianamente, mediante una “Drive to Advise”, una serie di addestramenti a supporto dell’Operational Coordination Center-Regional West (OCC-RW) delle Forze di Sicurezza afgane della base di Camp Ansar (Distretto di Guzarah, località a sud di Herat).

Militari italiani nella zona di addestramento

In particolare hanno seguito la pianificazione e la condotta di importanti esercitazioni nella gestione di crisi, che hanno visto coinvolti sia i militari che i poliziotti afgani; hanno coadiuvato le controparti per un’esercitazione di comando e controllo per fronteggiare un’ipotetica calamità naturale; hanno coordinato le squadre di emergenza e soccorso a favore della popolazione colpita.

Tra le attività più importanti va segnalata quella della gestione della sicurezza durante le scorse elezioni presidenziali di settembre, nel corso delle quali i militari italiani hanno contribuito all’allestimento e gestione della sala operativa, alla presenza del Comandante dell’OCC-RW, Brigadier Generale Roullah Oghil e del comandante del Train Advise Assist Command West, Generale di Brigata Giovanni Parmiggiani.

Il Generale di Brigata, Giovanni Parmiggiani con alcuni ufficiali afgani

Il compito dell’OCC-AT è quello di monitorare e fornire le indicazioni affinché la coordinazione delle operazioni svolte dall’Afghan National Army (ANA) e dell’Afghan National Police (ANP) sia condotta senza interferenze operative tra le parti e il Comando afgano di Camp Ansar, il quale assume un ruolo predominante in caso di particolari eventi.

Il Drive to Advise consente a un pacchetto di forze scelte di garantire l’assistenza e la consulenza alle Forze di Sicurezza afgane, muovendosi autonomamente via terra per raggiungere la controparte afgana.

Il personale dell’OCC-AT è composto da istruttori dell’Esercito italiano e dell’Arma dei Carabinieri. oltre ad assetti internazionali forniti da Romania e Ungheria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore