Agrigento, condannato a sette anni di carcere presunto scafista degli sbarchi “fantasma”. Era stato arrestato dopo un’operazione della GdF

Agrigento. Continua l’impegno della Guardia di Finanza agrigentina nel contrasto all’immigrazione clandestina lungo le coste del territorio siciliano.

L’ìmpegno della GdF nel contrasto all’immigrazione clandestino

Lo evidenzia la condanna, a sette anni di reclusione, inflitta al primo presunto scafista di sbarchi “fantasma”, intercettato e fermato dalle motovedette della Fiamme Gialle di Porto Empedocle lo scorso 22 settembre, nelle acque antistanti il comune di Realmonte, a bordo di un peschereccio con il quale tentava la fuga per rientrare in Tunisia.

Si tratta di tale Chayah Saber, tunisino di 27 anni, arrestato dai militari della Sezione Operativa Navale e della Tenenza della Guardia di Finanza di Porto Empedocle al termine di un inseguimento in mare, dopo che lo stesso aveva scaricato numerosi tunisini sul territorio italiano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Autore