Algeria, morte 257 persone imbarcate sull’aereo militare precipitato a Boufarik

Algeri. Sale a 257 (247 passeggeri e 10 membri dell’equipaggio) il numero delle vittime dell’aereo militare algerino precipitato a Boufarik, nel Paese nord africano, Lo ha riferito Al Jazeera (https://www.aljazeera.com) che ha citato la televisione di Stato algerina. Il velivolo, un Ilyushin Il-76, è caduto durante il decollo dall’aeroporto di Boufarik.

L’aereo militare precipitato

L’aereo era diretto a Bechar, nel Sud-Ovest del Paese. Le cause del disastro dovrebbero essere riconducibili ad incendio che ha interessato due dei motori e gli altri non sono riusciti a tenerlo in volo.

Ennahar TV ha citato un dirigente del partito algerino dicendo che 26 persone a bordo erano membri del Fronte Polisario, un movimento separatista nel Sahara occidentale, un territorio rivendicato anche dal Marocco.

L’incidente di Boufarik sarebbe il più drammatico avvenuto in Algeria dal 2003, quando un jet dell’Air Algerie si schiantò poco dopo il decollo da Tamanrasset. Morirono 102 persone.

Nel 2014, più di 70 militari fuori servizio e membri delle loro famiglie sono morti quando un C-130 si schiantò contro la montagna di Djebel Fertas, poco prima di atterrare nella città settentrionale di Costantina.

Nel dicembre 2012, due jet militari che conducevano operazioni di addestramento di routine si scontrarono a mezz’aria, vicino a Tlemcen, nel Nord-Ovest dell’Algeria. Perirono i due piloti

Un mese prima, un aereo da trasporto militare CASA C-295, a doppio turboelica, che trasportava un carico di carta per la stampa di banconote in Algeria, precipitò nel Sud della Francia.

Quell’aereo trasportava cinque soldati ed un rappresentante della Banca centrale algerina, nessuno dei quali sopravvisse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore