Carabinieri, operazione del ROS contro la mafia leccese: 22 arrestati

Lecce. I Carabinieri del Raggruppamento Operativo Speciale (ROS) e del Comando Provinciale di Lecce, con il supporto del 6° Elinucleo di Bari, del Nucleo Carabinieri Cinofili di Modugno (Bari) e dello Squadrone Eliportato “Cacciatori Puglia”, hanno eseguito, oggi, un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Lecce su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 22 persone indagate, a vario titolo, per associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione e porto abusivo di armi, estorsione e danneggiamento, con l’aggravante del metodo mafioso.

Operazione antimafia a Lecce

I provvedimenti scaturiscono da un’attività investigativa del ROS, coordinata dalla Procura della Repubblica di Lecce e sviluppata sulle articolazioni del Clan SCU “TORNESE” di Monteroni di Lecce.

L’indagine ha documentato l’operatività criminale del sodalizio mafioso attivo prevalentemente nel Leccese, in particolare nei comuni di Carmiano, Veglie, Novoli, Leverano e Porto Cesareo.

E’ stato dimostrato che il gruppo criminale era molto pericoloso come dimostrano la disponibilità ed i riferimenti agli approvvigionamenti di armi (anche automatiche), munizioni e materiale esplodente, nonché la spiccata propensione alla realizzazione di attentati incendiari e dinamitardi per finalità estorsive e intimidatorie, finanche per meri dissidi personali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore