Cybersecurity, un Master all’Università LUISS di Roma

Roma, Nel prossimo futuro ci saranno più esperti di lotta ai cyber attack, visto che la sicurezza informatica è considerata la seconda emergenza in Europa dopo il climate change e prima dell’immigrazione.

Ogni azienda subisce, in media 130 violazioni l’anno. Ci sono oltre 2 miliardi di email compromesse ed un attacco riuscito causa una spesa stimata in circa 2 miliardi di euro per ogni impresa.

Il mercato della sicurezza, in circa 10 anni, è passato da 3 miliardi a circa 200 miliardi nel 2017, con una prospettiva di aumento considerevole, viste le continue minacce al sistema economico.

L’Università LUISS Guido Carli di Roma, in partnership con Elettronica S.p.A., azienda leader nel dominio Cyber e dello spettro elettromagnetico, ha attivato il primo Master di secondo livello in Cybersecurity, per formare nuovi professionisti del settore, capaci di gestire le frodi e gli attacchi informatici e di interpretare le ricadute di un fenomeno cruciale per la competitività dell’Italia nel contesto internazionale dell’industria 4.0.

Elettronica è stata fondata 65 anni fa ed è leader nel campo delle contromisure elettroniche. Opera come Gruppo costituito da Eettronica SPA, CY4GATE ed Elettronica Gmbh.

La presentazione del Master in Cybersecutity

Il Master intende rispondere alle tantissime richieste delle imprese e dei settori pubblici di profili professionali che siano specializzati in cybersecurity che oltre ad un’adeguata conoscenza delle tecnologie digitali, affianchino competenze manageriali, giuridiche ed economiche.

Saranno formate figure capaci di interfacciarsi con funzioni di tecnical security sia per supportare lo sviluppo e le implementazioni di processi o di strategie operative per fare fronte alle necessità di conformarsi alle richieste della legislazione in Italia, in Europa e ad a livello internazionale sia per rispondere giuridicamente alle numerose problematiche sollevate dalla digitalizzazione.

La direzione scientifica è affidata a Luciano Floridi, Full Professor of Philosophy and Ethics all’Università di Oxford e direttore del Digital Internet Institute, Andrea Prencipe, prorettore vicario e ordinario di Organizzazione e Innovazione dell’Università LUISS, Paola Severino, ex ministro della Giustizia, e Rettore dell’a LUISS ed ordinario di Diritto Penale.

Possono partecipare alle selezioni i laureati magistrali o del vecchio ordinamento, oltre a coloro che abbiano un titolo universitario equivalente conseguito presso Atenei esteri. E’ consentita l’iscrizione (con riserva) anche per i laureandi che discutano le tesi entro la sessione straordinaria (marzo-aprile 2018) dell’anno accademico 2016-2017.

Il Master è a numero chiuso. L’ammissione è subordinata ad una positiva valutazione del curriculum dei candidati, oltre al superamento di un colloquio motivazionale/attitudinale.

Le iscrizioni saranno aperte entro il 30 novembre. Il costo è di 10 mila euro. Sarà possibile candidarsi per una borsa di studio a copertura integrale messa a disposizione dalla Elettronica S.p.A.

“Di fronte alla trasformazione digitale e in un mondo che cambia velocemente è necessario formare figure professionali nuove, con competenze trasversali, che siano in grado di gestire a trecentosessanta gradi le sfide che essa comporta – ha spiegato la professoressa Severino, presentando ieri a Roma il Master, alla presenza tra l’altro del ministro degli Interni, Marco Minniti -. Il tema della sicurezza informatica, oggi, richiede un approccio integrato che unisca competenze tecniche e digitali con competenze legali, economiche, manageriali e politiche. L’obiettivo del nuovo Master è quindi dar vita ad una workforce di esperti del settore che, dopo un percorso formativo con un taglio fortemente pratico, siano in grado di affrontare e di ridurre i rischi derivanti dagli attacchi cyber”.

“Oggi – ha spiegato Minniti – siamo davanti ad una minaccia particolarmente complessa, difficile da leggere, difficilissima da contrastare che può influenzare gli elementi minimi della vita privata del singolo ma anche impattare sulle nostre democrazie. Di fronte ad un mondo più aperto e più veloce, non potendo fermarlo o tornare indietro, dobbiamo cercare di governare un sistema di diritti e garanzie sapendo che tutto ciò comporta un intreccio tra la vicenda nazionale e quella sovranazionale”.

L’ISIS rappresenta la prima realtà terroristica a fare del Web una tra le sue armi principali. Basti pensare che Internet, ha evidenziato il ministro degli Interni, è fondamentale “nel processo di radicalizzazione e di conversione al fanatismo islamico, più dell’80% di queste avvengono sul Web che viene utilizzato anche per il reclutamento ed è in grado di trasmettere il senso dominante e la forza di una organizzazione”.

Il prossimo 19 e 20 ottobre ad Ischia (Napoli) il G7 dei ministri dell’Interno dovrà costruire un’alleanza con i grandi provider internazionali, un punto dal quale non si può prescindere nel campo della cybersecurity e contro gli attacchi cibernetici. “Pensare di reagire tutelando da soli un mero interesse nazionale – ha concluso il titolare del Viminale – è una partita persa, bisogna pensare anche ad una risposta che abbia una dimensione sovranazionale. Al tempo stesso, serve anche un’alleanza strategica con il mondo accademico e industriale per una tripolarità fra Stato, università e imprese, coinvolgendo soprattutto le nuove generazioni.”

Il Master avrà un taglio fortemente interdisciplinare in cui aspetti legali, economici, politici, digitali e informatici, saranno al servizio di un ecosistema di ricerca e analisi, tra pubblico e privato, che consenta lo sviluppo di una economia che governi la rivoluzione tecnologica. 

“Il fenomeno della sicurezza informatica è diventato molto importante per le nostre aziende e per il Paese – ha aggiunto la presidente della LUISS, Emma Marcegaglia – specificando che oggi è quanto mai necessario avere nelle imprese, così come nelle pubbliche amministrazioni, personale altamente qualificato, con una visione di insieme di tutte le problematiche della cybersecurity. Con questo approccio rotondo e multidisciplinare, la LUISS ha dato vita ad un master che, per la prima volta, in Italia e in Europa, mette insieme le eccellenze e le competenze delle sue quattro Scuole post lauream.”

Per Enzo Benigni, presidente di Elettronica SPA “siamo in presenza di una nuova materia prima: i dati. La loro protezione ed utilizzo sono il cuore del problema”.

Solo nel 2015 le informazioni caricate in Internet hanno superato come dimensione la quantità di conoscenza trasmessa dall’inizio dell’umanità fino al 2014. “In questa nuova dimensione – ha aggiunto Benigni – emergono nuovi confini culturali: la giurisdizione dei dati, il diritto commerciale e le transazioni di valuta digitale. Servono quindi nuove competenze”.

Secondo Elettronica la nuova ricetta passa “attraverso il potenziamento della multiculturalità e la maggior fruibilità delle nostre lauree tali da avere benefici immediati sull’economia e un impatto sull’occupazione. Ritengo, quindi, doveroso che un’industria ad alta tecnologia come Elettronica percepisca la responsabilità sociale di contribuire al mondo universitario e quindi all’immagine del nostro Paese che tanto ci ha dato”.

Lo scorso 20 settembre Elettronica e la LUISS hanno siglato un protocollo d’intesa, ripartito in 4 aree di collaborazione: una cattedra triennale sul tema Cybersecurity: Regulation&Policy, inquadrata nel Dipartimento di Giurisprudenza della LUISS, l’attivazione di una Cyber Summer School per gli studenti del terzo e quarto anno delle superiori, un supporto alle superiori per realizzare un progetto di alternanza scuola-lavoro per gli studenti del triennio. Oltre al Master di secondo livello.

Possono partecipare alle selezioni i laureati magistrali o del vecchio ordinamento, oltre a coloro che abbiano un titolo universitario equivalente conseguito presso Atenei esteri. E’ consentita l’iscrizione (con riserva) anche per i laureandi che discutano le tesi entro la sessione straordinaria (marzo-aprile 2018) dell’anno accademico 2016-2017.

Il Master è a numero chiuso. L’ammissione è subordinata ad una positiva valutazione del curriculum dei candidati, oltre al superamento di un colloquio motivazionale/attitudinale.

Le iscrizioni saranno aperte entro il 30 novembre. Il costo è di 10 mila euro. Sarà possibile candidarsi per una borsa di studio a copertura integrale messa a disposizione dalla Elettronica S.p.A.

Info e iscrizioni al Master su: http://sog.luiss.it/formazione-graduate/cybersecurity

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore