Danimarca, le manovre russe fanno paura. Il Governo aumenta gli investimenti per la Difesa

Copenaghen. Il Governo liberal-conservatore danese ha presentato, ieri, un piano per destinare 1.720 milioni di euro in più al bilancio della Difesa, per i prossimi sei anni.

L’investimento sarà graduale con un picco nel 2023, anno nel quale la partita sarà pari a 2.956 milioni di euro. Toccando un 1,3%del PIL.

Un soldato danese in esercitazione

Così la Danimarca intende rispondere alle richieste degli Stati Uniti alla NATO che aveva chiesto che i Paesi europei aumentassero il budget per la Difesa del 2% del PIL.

In verità quello che ha preoccupato i danesi sono state le ultime esercitazioni russe vicino alle coste del Paese. Oltre a quanto fatto, a settembre scorso, dall’Esercito russo nell’esercitazione “Zapad”  (Occidente russo) nella quale le truppe di Mosca si esercitavano in uno scontro con quelle bielorusse.

La valutazione politica la dà il ministro della Difesa danese, Claus Hjort Frederiksen: “La Russia mostra un comportamento ogni volta più aggressivo, sopra tutto con i Paesi baltici. Fa molte esercitazioni, colloca missili a Kaliningrad che possono raggiunger Copenaghen. Stoccolma ed i Paesi baltici”.

Il ministro della Difesa danese, Claus Hjort Frederiksen

C’è poi la questione del terrorismo. La Danimarca sta vivendo un periodo storico che vede una jihad di bassa intensità che si sta impiantando nel Paese. Ci sono poi gruppi islamici di immigrati che spesso provocano incidenti, colpendo con i sassi le auto sulla strada, bloccano le vetture e i ciclisti con rami di albero.

Il Parlamento, nello scorso settembre, ha mobilitato 160 soldati per aiutare la Polizia nei controlli alle frontiere, vista la crisi dei migranti.

Il Governo vuole poi dotare le fregate di missili, di sonar e di altre tecnologie.

Tra gli altri programmi della Difesa danese c’è poi una particolare attenzione agli attacchi cyber, la creazione di una Brigata di 4 mila soldati, pronta ad essere inviata nelle missioni all’estero, in meno di sei mesi.

Il piano intende aumentare anche il numero del personale che, ogni anno, svolge il servizio militare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore