Divisione Aerostrutture di Leonardo, consegnata ad Airbus la prima sezione di fusoliera del velivolo A321 LR

Roma. Nel sito produttivo di Nola (Napoli) della Divisione Aerostrutture di Leonardo è stato consegnato, nei giorni scorsi, la cerimonia di consegna ad Airbus della prima sezione di fusoliera del velivolo A321 LR.

L’A321 LR presenta una nuova configurazione del portellone che permette ai suoi operatori di ospitare fino a 240 passeggeri nella più ampia tra le fusoliere a corridoio singolo realizzate da Airbus.

L’A321 LR presenta una nuova configurazione del portellone che permette ai suoi operatori di ospitare fino a 240 passeggeri

La nuova soluzione denominata ‘Airspace’, sviluppata per la cabina della famiglia di velivoli Airbus A320, consente ai passeggeri un’esperienza di volo senza precedenti. Grazie al maggior peso massimo al decollo (Maximum Take Off Weight – MTOW) pari a 97 tonnellate ed ad un terzo serbatoio centrale di carburante (Additional Centre Fuel Tank – ACT) il raggio d’azione del velivolo si estende a 4 mila miglia nautiche, pari a 7.400 chilometri, permettendo così alle Compagnie aeree di accedere a nuove opportunità di mercato sul lungo raggio.

La collaborazione con Airbus per il programma A321 risale al 1991, quando fu siglata l’intesa per la progettazione e la produzione della sezione anteriore della fusoliera dell’aeromobile che viene spedita dallo stabilimento Leonardo di Nola a quello francese di Airbus a St. Nazaire, dove avviene l’assemblaggio dei componenti della fusoliera.

Lo stabilimento di Nola ha avviato la propria attività nel 1995 con la produzione di aerostrutture per vari programmi anche con partner internazionali come Airbus.

Impiega circa 1.000 addetti altamente specializzati. A Nola si producono parti lavorate a macchina e si effettua la fabbricazione di lamiere metalliche e l’assemblaggio di pannelli con un elevato livello di integrazione ed automazione industriale.

Il sito campano è stato concepito sin dalla sua progettazione per realizzare aerostrutture con un elevato livello qualitativo e competitivo. L’impianto è caratterizzato da un processo produttivo il cui controllo è in larga parte gestito da un unico sistema computerizzato i cui componenti sono altamente integrati fra loro.

A Nola vengono realizzate anche componenti dei principali programmi aeronautici a livello mondiale come l’Eurofighter Typhoon o l’Airbus A380, “il gigante dei cieli”.

Il decollo di un Eurofighter

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore