Esercitazione BRAD 17, la Brigata Ariete in campo con unità nazionali, statunitensi, spagnole, albanesi e slovene

Pordenone.  Le aree addestrative della Comina di Pordenone e del Cellina-Meduna, in questi giorni, sono teatro dell’esercitazione “Bright Armoured 2017” (BRAD 17).

Carri della Brigata Ariete impiegati nell’esercitazione BRAD 17

Le attività prevedono la partecipazione di unità operative dei Paesi alleati che contribuiscono alla costituzione di un pacchetto di forze terrestri ad elevata prontezza, alle dipendenze del Comando 132^ Brigata corazzata “Ariete”.

La quale, per il 2018, è stata identificata quale grande unità nazionale designata Very High Readiness Force Land Brigade della NATO.

L’obiettivo della BRAD 17, che si concluderà il 30 giugno, è quello di testare e incrementare il livello di interoperabilità tra il Comando della grande unità corazzata e le unità dipendenti, oltre a favorire la necessaria amalgama tra il personale dei reparti partecipanti.

Un momento esercitativo alla BRAD 17

All’attività, pianificata e organizzata dall’Ariete che per l’occasione ha proiettato nell’area della Comina il proprio posto comando, prendono parte l’11° Reggimento Bersaglieri, il Reggimento logistico Ariete, reparti del 32° Reggimento Carri e del 10° Reggimento Genio guastatori, oltre ad assetti specialistici dell’Aviazione dell’Esercito (4° Reggimento AVES ALTAIR), del 187° Reggimento Paracadutisti “Folgore”, del 1° Reggimento artiglieria da montagna e del Comando delle Trasmissioni e Informazioni dell’Esercito (COTIE).

All’esercitazione partecipano, inoltre, una componente elicotteri dell’US Army e una delle Forze Armate slovene, oltre a un’unità di livello Battle Group spagnola ed assetti operativi provenienti da Albania e Slovenia. Sono presenti anche osservatori provenienti dalla Polonia e dalla Turchia.

Il comandante della Brigata Ariete, generale di Brigata Angelo Michele Ristuccia, in un momento dell’esercitazione BRAD 17

Si svilupperanno una serie di attività tattiche di livello di complessità crescente, anche per testare le capacità dei posti comando di interagire nei diversi contesti operativi.

Oltre ai tradizionali carri Ariete ed ai veicoli da combattimento Dardo, nell’esercitazione verranno impiegati mezzi spagnoli Pizarro, gli elicotteri italiani AB 205, quelli americani AH 64 Apaches ed il Cougar sloveno.

La BRAD 17 rappresenta la naturale prosecuzione di un iter addestrativo intenso che la Brigata sta svolgendo per prepararsi al meglio ad assolvere compiti diversificati in campo nazionale ed all’estero. Si tratta di un impegno notevole, ambizioso ed oneroso, sul quale la Difesa sta investendo cospicue risorse umane, finanziarie e materiali.

L’Ariete, oltre a questa importante attività, è anche impegnata con i propri reparti nell’Operazione “Strade Sicure” e nella bonifica di ordigni esplosivi in territorio nazionale.

Unità della Brigata sono inoltre recentemente rientrate dall’impiego in Libano e Kosovo, mentre altri suoi elementi sono tutt’ora impiegati in Iraq.

Autore