Esercito, “storming the skies”. La storia della Grande Guerra arriva in mostra nella Tuscia

Viterbo. E’ stata inaugurata, ieri, nell’Auditorium del Comune di Vitorchiano (Viterbo) dal Generale di Brigata Pietro Addis, comandante della Scuola Sottufficiali dell’Esercito e dal sindaco Ruggero Grassotti la mostra fotografica dal titolo “Storming the skies”, realizzata dal Comune di Vittorio Veneto (Treviso) nell’ambito delle commemorazioni relative al centenario della Grande Guerra.

Il Generale Addis e il sindaco Grassotti inaugurano la mostra

La cerimonia si è svolta alla presenza delle locali autorità civili e militari, delle rappresentanze del Comando Aviazione e della Scuola Sottufficiali dell’Esercito, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia di Stato, dell’AVIS Comunale di Viterbo e della cittadinanza.

Composta di immagini, per la maggior parte provenienti dal Fondo “Luigi Marzocchi” del Museo della Battaglia di Vittorio Veneto e in parte fornite dall’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito, la mostra approfondisce alcuni aspetti peculiari del fronte italiano, come la guerra in alta montagna e quella in laguna, con una sezione dedicata all’impiego degli animali ed una relativa all’intervento del contingente inglese in Italia.

L’esposizione è stata arricchita con cimeli e testi sulla Grande Guerra messi a disposizione dalla Biblioteca Militare di Presidio della Scuola Sottufficiali dell’Esercito.

Un momento visita alla mostra

Gli allievi Marescialli del XX corso “Certezza” e del XXI corso “Esempio”, accompagnati dal direttore della Biblioteca Militare di Presidio, hanno avuto modo di visitare la mostra presso la Caserma “Soccorso Saloni”, sede dell’Istituto di formazione militare viterbese, mostrando interesse e ponendo particolare attenzione agli approfondimenti proposti nelle diverse sezioni. Lo studio della storia militare è una costante fondamentale nel percorso formativo degli Allievi Marescialli finalizzato alla creazione di “Junior Leader” sempre più capaci e preparati.

La mostra sarà aperta al pubblico tutti i giorni, dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19, fino al prossimo 12 aprile.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore