F-35, negli Stati Uniti aumentano le donne ai comandi del velivolo. Dopo il Tenente Colonnello Christina Mau è la volta del Maggiore Rachael Winiecki

Di Annalisa Triggiano

Washington. Le Forze Aeree americane hanno raggiunto un nuovo traguardo storico. Il Maggiore Rachael Winiecki è diventata la prima pilota tester di F35 a guidare e concludere una missione di collaudo (test mission flight) sul Fighter Jet F-35 Lightning II.

Il Maggiore Rachael Winiecki è diventata la prima pilota tester di F35

La notizia è stata pubblicate da diverse testate statunitensi, tra le quali il prestigioso Air Force Times.

Il test, completato con successo alla Base Aerea di Edwards in California lo scorso 14 dicembre, potrà fare da volano a un incremento significativo della presenza femminile nelle test mission dell’Aeronautica statunitense.

La Winiecki è un ufficiale in forza al 461° Squadrone di Collaudo Voli (FLTS). “Sarò anche la prima donna che ha concluso un test di volo sperimentale sull’F-35, – ha spiegato  – ma i collaudatori sono soltanto una piccola, infinitesima parte di tutta l’impresa di collaudo. Sono grata alle donne che prima di me hanno superato le barriere. Hanno tracciato un sentiero. Attendo con impazienza il giorno in cui imprese del genere diventeranno un evento ordinario”.

Per la verità, il primo volo in rosa su F-35 è avvenuto il 7 maggio 2015 dalla Base Aerea di Eglin, in Florida. E a effettuarlo, senza che però si trattasse di una vera e propria missione di collaudo sperimentale, è stato il Tenente Colonnello Christina Mau, figlia d’arte.

Il Tenente Colonnello Christina Mau

Quando la Mau ha concluso il primo volo, peraltro, nell’intera USAF vi erano soltanto 86 piloti (maschi) abilitati al volo su F-35A. E non è stata, per lei, questa, la prima pagina scritta nella storia dell’Aviazione americana.

Le spetta, infatti, anche un altro primato: ha guidato il primo equipaggio caccia interamente femminile (dal pilotaggio alla manutenzione e al controllo), nel 2011. Christina Mau a bordo di un F15E Strike Eagle ha bombardato gli insorti afghani nella Valle del Kunar.

Il Maggiore Winiecki ha aggiunto che sebbene si tratti di un settore tradizionalmente dominato dagli uomini, il numero delle donne che scelgono l’Aviazione ed, in particolare, il settore del collaudo sperimentale voli sta iniziando ad aumentare e al momento, nel 461° Squadrone, ce ne sono di diverse che ricoprono il ruolo di direttori e conduttori di test di volo e ci sono ingegneri collaudatori.

Il Comandante del 461° FLTS, Tenente Colonnello Tucker Hamilton, ha dichiarato con fierezza alla stampa che “il Maggiore Winiecki è stata selezionata per diventare collaudatore pilota di un F-35 grazie alla sua eccezionale abilità nel pilotaggio e porta una significativa esperienza nel test grazie ai suoi brevetti di pilota A-10 (Thunderbolt II)”. Inoltre, la Winiecki è parte del team tecnico di supervisione che sovrintende ai collaudi di tutte le eventuali varianti degli F-35.

Secondo la giovane ufficiale, l’esperienza di missione su velivoliA-10 – supporto aereo di prossimità, combat search and rescue, e controllo aereo avanzato – tornerà utile anche nell’utilizzo dell’F-35. In modo da poterne testare appieno sia le capacità aria-aria che aria-terra.

Sono molto orgogliosa delle esperienze fatte con gli A-10 e gli F-16 – ha aggiunto la Winiecki – perché quando si viene da reparti aerei di combattimento si acquisiscono abilità e prospettive in qualche modo utili al collaudo. Esperienza significa anche scambio di idee con i colleghi piloti. Questo serve a migliorare a tutto tondo l’efficienza delle missioni”.

Prima di unirsi al 461° Squadrone, il Maggiore Winiecki ha pilotato in missioni operative i jet A-10 su vari teatri: Asia Sud Ovest, Europa dell’Est e Pacifico.

Dopo aver conseguito il brevetto di Pilota USAF alla base Aerea di Edwards, è stata distaccata presso il 416° FLTS come collaudatore pilota di caccia F-16.

Il comandante del 412° Reparto Collaudo Voli il Generale di Brigata E. John Teichert ha dichiarato che “le imprese del Maggiore Winiecki spiegano perfettamente il perché siamo a tutt’oggi il centro dell’universo dei test aerei. Infrangere barriere è ciò che facciamo ogni giorno, facendo la storia del combattimento aereo”.

La notizia viene in un momento in cui l’USAF accusa un certo calo del numero degli aspiranti piloti, problema per il quale si è peraltro discusso, tra la NATO e l’USAF, nello scorso marzo(1).

Peraltro, se è vero che ci sono state, storicamente, molte barriere legate a motivazioni di carattere fisico – oggi quasi ovunque superate – all’ingresso delle donne in ruoli prettamente di combattimento delle Forze Armate (non solo statunitensi) è altrettanto vero però che alcuni dei limiti all’accesso di donne e uomini allo specifico ruolo di piloti di caccia F-35, quantomeno negli Stai Uniti, derivavano da motivazioni di carattere tecnico.

Nel 2015 l’Aviazione militare statunitense richiedeva che i piloti da addestrare agli F-35 dovessero pesare un minimo di 136 libbre (circa 61,5 chili), poiché queste erano le caratteristiche richieste dal sedile di espulsione del velivolo (il Martin Baker US16E Ejection Seat, le cui specifiche originarie erano, per i piloti, un peso minimo di 103 libbre, circa 47 chilogrammi).

Il cambiamento temporaneo adottato dalla Forza Armata si giustificava con la necessità di testare le capacità del sedile di espulsione in determinate aree e condizioni di volo.

La restrizione di peso è stata eliminata, di comune accordo tra USAF e Martin Baker, nell’aprile del 2017, ma era giustificata dal rischio di possibili incidenti fatali alla spina dorsale in caso di espulsione dal velivolo.

L’aggiornamento di questo parametro tecnico su tutta la flotta statunitense di F-35 equipaggiata con il ‘vecchio’ sistema (e parliamo di circa 200 velivoli) si sta tuttavia rivelando più lungo del previsto e sarà completamente ultimato soltanto a giugno-luglio di quest’anno, secondo quanto dichiarato alla stampa da Joe Della Vedova, portavoce dell’Ufficio Joint Programme F-35.

Con il sistema aggiornato di espulsione dal velivolo, il caccia F-35 potrà accogliere piloti con un peso compreso tra le 103 (circa 46,72 chili) e le 245 libbre (circa 111,13 chili). Prima del completamento della revisione, tuttavia, il numero dei potenziali piloti donne sarà comunque limitato.

Autore