Filiera del falso, a Roma scoperta una centrale per il rifornimento della Capitale. Arrestato un senegalese

Roma. I Finanzieri del Comando Provinciale Roma hanno arrestato un senegalese e scoperto un magazzino pieno di prodotti contraffatti, con annesso un piccolo laboratorio del falso.

La merce rinvenuta e sequestrata

I militari del I Gruppo di Roma, dopo un’accurata attività info-investigativa intrapresa a seguito di diversi sequestri di merce contraffatta operati negli scorsi giorni per le vie della Capitale, in particolare nella zona del centro, sono risaliti alla filiera del falso fino ad individuare un extracomunitario nella zona del quartiere Prenestino, con al seguito un borsone di grandi dimensioni, rivelatosi, all’esito dei controlli di polizia, contenere oltre 2 mila accessori di abbigliamento, recanti marchi di fabbrica contraffatti.

L’uomo, credendo di poter eludere l’ispezione dei militari delle Fiamme Gialle, ha tentato di nascondere all’interno degli slip denaro contante per oltre 5 mila euro ed un mazzo di chiavi negli avanzi di un panino offertogli dagli stessi militari quale genere di conforto.

A quel punto, il senegalese fermato ha tentato di resistere violentemente ai controlli dei militari della GdF, dimenandosi ed opponendo forza tramite la sua consistente mole. E’ stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale.

Le chiavi rinvenute all’interno del panino che l’arrestato aveva tentato di nascondere ai Finanzieri, servivano per aprire un enorme e fornitissimo magazzino all’interno del quale sono stati rinvenuti oltre 27 mila capi di abbigliamento, accessori, occhiali da sole, orologi, etichette, minuteria metallica ed una macchina da cucire meccanica, nonché una serie di targhe di autovetture risultate intestate a senegalesi.

E’ stata così scoperta una vera centrale del falso per il rifornimento del mercato della contraffazione capitolina.

L’arrestato è stato denunciato per i reati di contraffazione e ricettazione alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma.

Le operazioni di polizia dei militari della Guardia di Finanza che si inquadrano nell’ambito dei dispositivi di controllo economico del territorio, sono ancora in corso per  individuare ed identificare eventuali altre persone coinvolte nella filiera del falso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore