Guardia di Finanza di Roma, arresti e denunce a piede libero per esportazione illegale di armi in Medio Oriente

Roma. Le indagini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma hanno portato a sgominare un sodalizio dedito alla produzione ed esportazione non autorizzata di armi destinate a Forze Armate straniere. E’ stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di due soggetti. Altri cinque sono stati denunciati a piede libero.

Operazione a Roma contro il traffico illegale di armi verso il Medio Oriente

In particolare, dall’inchiesta condotta dalla Compagnia di Pomezia, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Velletri, è emerso che presso un’azienda pometina, specializzata in studio e progettazione di apparati elettronici, era stato realizzato un sistema di puntamento e inibizione al volo di veicoli a pilotaggio remoto (APR) mediante l’utilizzo di un’ampia gamma di radiofrequenze, anche di tipo vietato in quanto di possibile disturbo per le radiocomunicazioni nazionali.

Una volta ultimato il montaggio, il sistema dei cosiddetti “droneranger” avrebbe dovuto essere esportato all’estero, per essere, dapprima, testato in un sito spagnolo alla periferia di Madrid e, successivamente, venduto a clienti arabi.

Tuttavia, le Fiamme Gialle hanno accertato che nessuna richiesta di autorizzazione all’esportazione fosse stata presentata al Ministero degli Affari esteri.

Infatti, il sistema, per caratteristiche fisiche, costruttive e di impiego, è risultato classificato quale materiale di armamento, come confermato dai consulenti tecnici che hanno esaminato il “droneranger”. Nello specifico, l’uscita dallo Stato di tale materiale sensibile è subordinata a specifico permesso da parte della Farnesina, come previsto dall’articolo 13 della legge numero 185 del 1990.

Le complesse indagini sviluppate dai Finanzieri di Pomezia hanno permesso di individuare i promotori di tale attività in due soggetti, un ingegnere svizzero ed un imprenditore romano, che si sono avvalsi della collaborazione di altre cinque persone, residenti a Roma e provincia, tutti indagati.

Nel corso delle investigazioni, condotte attraverso l’esame di moltissimi documenti ed anche utilizzando le intercettazioni telefoniche sue utenze nazionali ed internazionali, è stata ricostruita l’intera filiera dell’attività commerciale, consentendo, tra l’altro, di individuare i clienti finali della commessa in Forze Armate di Paesi stranieri del Medio Oriente.

Con l’esecuzione delle misure cautelari sono state anche interrotte le operazioni commerciali illegali, con contratti già sottoscritti per circa 3.600.000 euro, nonché ulteriori accordi ancora in fase di definizione per la protezione di siti strategici, del valore di 36 milioni di euro, tali da risultare un business di livello mondiale, con numerosi ulteriori clienti, già interessati a sottoscrivere forniture e progetti in fase di costante aggiornamento. Sono stati rilevati plurimi contatti con primari istituti di credito nazionali e stranieri, nonché con aziende multinazionali, per ottenere fideiussioni bancarie per la sottoscrizione di molteplici contratti in campo militare nel Medio Oriente.

Nel corso delle perquisizioni, eseguite contestualmente all’ordinanza, è stato sequestrato copioso materiale probatorio, tra cui contratti, droni, fucili antidrone e componentistica varia degli apparati radar inibitori di volo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Autore