Guardia di Finanza: Scoperta a Catania una centrale della pirateria audiovisiva. Sequestrati 15 mila supporti, tra di essi anche i CD del Festival di Sanremo

Di Michele Toschi

Catania. Un’autentica centrale di masterizzazione dove venivano illecitamente duplicati CD e DVD con tutti i successi del Festival di Sanremo 2020 e film di primissima visione.

Operazione contro la pirateria audiovisiva a Catania

Questo è quello che i Finanzieri del Comando Provinciale di Catania hanno scoperto all’interno di un appartamento del quartiere etneo di San Cristofaro, nelle disponibilità di quattro cittadini senegalesi colti praticamente sul fatto dai militari delle Fiamme Gialle mentre erano intenti nelle loro attività pirata.

Al risultato di servizio, che ha tra l’altro visto il sequestro di 15 mila supporti ottici con le ultime novità cinematografiche e le compilation di musica leggera del momento (a cui si aggiungono oltre 20 masterizzatori impiegati per la duplicazione di film, hit musicali ed anche videogiochi), gli uomini della GdF catanese sono arrivati seguendo gli spostamenti dei quattro africani.

Oltre al materiale “piratato”, i Finanzieri hanno altresì rinvenuto oltre 4.500 etichette riportanti il marchio contraffatto di note case della moda, ovviamente pronte per essere applicate su capi di abbigliamento analogamente contraffatti.

Questa è la riprova di come i responsabili avessero allargato il proprio business anche nel parallelo campo criminale della contraffazione dei marchi di fabbrica che, come la pirateria audiovisiva, lede in maniera pesante chi sviluppa i propri prodotti con innovazione ed originalità, ovvero in settori produttivi come quello della cinematografia, della moda o della musica d’autore che da sempre contraddistinguono il genio creativo degli italiani e che rappresentano un settore economico certamente importante per l’economia del Paese.

Al termine dell’intervento i quattro cittadini senegalesi sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria con l’accusa di violazione del diritto d’autore, ricettazione e commercio di prodotti con segni falsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore