Guardia di Finanza, smantellato un traffico di droga tra Palermo e Napoli: 2 arresti

Palermo. Questa mattina i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Palermo hanno arrestato, a Napoli e Palermo, due trafficanti di droga responsabili di una spedizione a Palermo di quasi due quintali di hashish.

 

Operazione antidroga della GdF in Sicilia

La droga era contenuta in otto cartoni individuati presso un centro di smistamento postale di Carini (Palermo).

Il sequestro, eseguito lo scorso mese di giugno, è originato dal costante monitoraggio delle spedizioni che presentano particolari indici di anomalia, effettuato sistematicamente dagli uomini della Sezione del G.I.C.O. della Guardia di Finanza di Palermo specializzata nel contrasto al traffico di stupefacenti.

In seguito a un lavoro di analisi dettagliata delle informazioni contenute nei data base di un’ignara ditta di spedizioni, i finanzieri sono riusciti a risalire alla spedizione sospetta, proveniente da Nocera Inferiore (Salerno) appurando, altresì, chi fossero i soggetti interessati al ritiro dei pacchi contenenti la droga, chke per un disguido tecnico non veniva loro consegnata dallo spedizioniere.

I due responsabili, il destinatario e il mittente dell’ingente partita di droga, sono stati arrestati oggi a seguito dell’ordinanza di applicazione di misure cautelari in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Palermo.

La droga sequestrata era destinata allo spaccio sulle piazze di Palermo e al mercato al dettaglio avrebbe fruttato almeno un milione di euro.

Tempestivi accertamenti svolti dalle Fiamme Gialle hanno, infatti, consentito di appurare che uno degli arrestati, destinatario della sostanza stupefacente, ufficialmente disoccupato e senza reddito, dall’estate scorsa percepiva il reddito di cittadinanza per un ammontare di 500 euro mensili.

Un beneficio che verrà immediatamente sospeso, così come previsto dall’art.7-ter del D.L. 28.01.2019 n.4 (Sospensione del beneficio in caso di condanna o applicazione di misura cautelare personale).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore