Hezbollah libanesi, il Bahrain attacca il segretario generale Nasrallah dopo la sua dichiarazione di volere una guerra con Israele

Di Giusy Criscuolo

Beirut. Il ministro degli Esteri del Bahrein, Khalid bin Ahmed bin Mohammed al-Khalifa, ha descritto il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah come un terrorista, accusandolo di volere la guerra ogni volta che il Libano si proietta a vivere in pace.

Khalid bin Ahmed bin Mohammed al-Khalifa

In due tweet pubblicati, ieri, in risposta al segretario generale di Hezbollah in Libano, il ministro ha paragonato la situazione in Libano del 2002 a quella del 2019.

“Beirut 2002, il Summit arabo riconosce l’Arab Peace Initiative, Beirut 2019, il terrorista Nasrallah ammette che i tunnel sono stati scavati molto tempo fa e che ha un piano per occupare la Galilea”, ha scritto.

Hassan Nasrallah

“Un Paese che vuole la pace si riprenderà e l’ Iran sta pianificando una guerra per rinascere il Libano pagherà il prezzo e l’Iran lo seguirà –  ha aggiunto -. Il terrorista Nasrallah non si preoccupa della sicurezza del Libano, della sua prosperità o dello status internazionale dovuto al Libano e alla civiltà libanese”.

L’attacco di Al Khalifa a Nasrallah è arrivato in risposta al suo comunicato, il primo dal 10 novembre 2018.

“Se la decisione in Bahrain fosse stata nelle mani della famiglia al-Khalifa, ci sarebbe stato un dialogo con l’opposizione”, ha concluso il ministro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore