Il capo del Governo Giuseppe Conte: “Aumenteremo la possibilità di difesa personale” per difendere la propria sicurezza

Di Pierpaolo Piras

Roma. C’è solo da sperare che i tanti applausi saranno meritati. Abbandonando l’abito istituzionale, oggi, proprio del Senato, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte li ha ottenuti anche nei passaggi meno importanti.

Il capo del Governo, Giuseppe Conte

Un discorso più da demagogo che da premier. Ha evitato ogni riferimento alla scuola. Non ha fatto nessuno accenno alla legge Fornero né tantomeno al recupero dei sistemi di copertura. Su buona parte delle sue parole è difficile non convenire.

Vedremo nello scorrere degli atti parlamentari cosa accadrà. Si sa che i Governi agiscono nel presente mentre i partiti verso il futuro. Anche qui non sono mancate le promesse e le grandi intenzioni, senza rivelare le risorse a copertura, ad esempio, della “flat tax” , della riforma pensionistica e del “reddito di cittadinanza”.
Sul piano della sicurezza e della politica estera di notano alcuni aspetti più rilevanti.

Sicurezza individuale. Verrà incrementata la possibilità di difesa personale e dei propri averi e saranno inasprite le pene per i reati attinenti alla sfera sessuale.
Difesa e sicurezza militare. Viene convintamente riaffermata l’appartenenza dell’Italia alla NATO ed ai  trattati internazionali.
In politica estera il nuovo capo del Governo italiano intende potenziare le relazioni con la Russia per Il suo importante ruolo internazionale e per le notevoli relazioni economiche con il nostro Paese.

Per quanto riguarda la questione del fenomeno migratorio, Conte ha preannunciato un rapido superamento del “Regolamento di Dublino” del 1° gennaio 2014 che definisce – oggi sappiamo quanto malamente – le condizioni di accettazione dei migranti vittime di guerra o di persecuzioni.

Il capo dell’Esecutivo ha poi sottolineato che sarà rivista l’attuale sistema d’accoglienza con particolare attenzione agli aspetti legati alla malavita ad alla falsa quanto interessata solidarietà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore