Immigrazione clandestina, a Palermo e Trapani la GdF e la Polizia di Stato smantellano una rete di favoreggiatori. Nove gli arresti

Palermo. Dopo un’inchiesta durata 2 anni, la Guardia di Finanza e la Polizia di Stato hanno smantellato un sodalizio criminale operante tra Palermo e la provincia di Trapani, dedito al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina composta, tra gli altri, da commercialisti, titolari di Centri di Assistenza Fiscale ed altri soggetti che hanno inoltrato, nell’ultimo triennio, numerosissime istanze all’Ufficio Immigrazione della Questura di Palermo per il rinnovo e l’ottenimento del permesso di soggiorno di extracomunitari supportandole sulla base di false dichiarazioni fiscali e fittizie assunzioni.

Smantellata rete di favoreggiatori dell’immigrazione clandestina

I Finanzieri del Gruppo ed i poliziotti della Squadra Mobile, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo, hanno eseguito 10 misure cautelari: 9 arresti ed 1 divieto di dimora a Palermo.
Tra i destinatari delle misure ci sono nomi noti in città tra cui il soggetto di riferimento per la comunità Tamil di Palermo, attivo nel panorama politico palermitano come componente della Consulta delle Culture, organismo creato presso il Comune di Palermo.

Gli immigrati, provenienti anche da regioni differenti ed in alcuni casi effettivamente dimoranti all’estero, attraverso un passaparola all’interno delle singole etnie giungevano a Palermo ed esternavano ai “professionisti contabili” la loro necessità di avere una dichiarazione dei redditi ad hoc per il raggiungimento della soglia minima di reddito prevista per proseguire il loro soggiorno in Italia.

In taluni casi, addirittura, il “reddito buono” veniva richiesto telefonicamente, prontamente intercettato dagli inquirenti.
Il fenomeno aveva assunto una tale dimensione da allarmare i poliziotti dell’Ufficio Immigrazione che, allertati i colleghi della Squadra Mobile ed in piena sinergia con la Guardia di Finanza, hanno avviato controlli approfonditi sulle dichiarazioni dei redditi trasmesse determinando la revoca di gran parte delle richieste avanzate attraverso la fitta rete di professionisti e di “addetti ai lavori” che, dietro il pagamento di compensi che raggiungevano anche i mille euro, offrivano tutta una gamma di servizi, finalizzati essenzialmen- te all’ottenimento dei relativi permessi.

Il metodo consisteva in alcuni casi nell’attivazione di partite IVA per ditte individuali per gli extracomunitari – per la maggior parte censiti come venditori ambulanti – in altri casi venivano fatti risultare fittiziamente assunti come collaboratori domestici dagli stessi professionisti o da soggetti compiacenti.
Sono numerosi gli imprenditori extra-comunitari fasulli allo stato attuale censiti dai Finanzieri e dai poliziotti, che, oltre a soggiornare illegalmente in Italia si ritrovano anche con i contributi previdenziali versati tali solo sulla carta visto che il loro versamento avveniva mediante compensazione di crediti d’imposta creati ad hoc nelle false dichiarazioni fiscali.

Intanto, sono in corso ulteriori accertamenti per quantificare i guadagni illegalmente conseguiti dai professionisti e dai vari Centri di Assistenza Fiscale.
Il fenomeno criminale, accertato già dal 2015, va comunque riferito a periodi anche pregressi e da ritenersi ad oggi ancora in atto con ricadute sia in termini di danno al bilancio nazionale che per la Pubblica sicurezza rappresentando un metodo sicuro per consentire ad  extracomunitari di poter permanere illegalmente sul territorio nazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore