Iniziativa congiunta Difesa-Esteri a favore della sanità del Niger

Niamey. Nei giorni scorsi i militari italiani della Missione Bilaterale di Supporto in Niger (MISIN) e l’Ambasciata d’Italia a Niamey hanno provveduto alla consegna di un secondo lotto di farmaci e presidi sanitari a favore del Ministero della Salute Pubblica e del Ministero della Difesa nigerini.

Questa seconda donazione della Cooperazione Italiana di materiali sanitari e farmaci di prima necessità, si inserisce nell’ambito di una serie di iniziative di cooperazione tra l’Italia ed il Niger già avviata dal 24 aprile scorso, che comprende un sostegno multidimensionale verso particolari criticità locali.

Il personale della MISIN ha individuato nell’ambito della salute la priorità di intervento in considerazione della particolare situazione in cui versa la Sanità sia militare che civile del Paese. Il Generale di Brigata Antonio Maggi, Comandante della MISIN, e l’Ambasciatore d’Italia, dottor Marco Prencipe, hanno individuato una serie di farmaci e presidi sanitari ritenuti essenziali, concordati con i sanitari dell’Osservatorio Epidemiologico dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, presente nella capitale nigerina. La lista delle esigenze ha portato alla fornitura di un secondo lotto di ulteriori presidi sanitari e farmaci, di circa 12 tonnellate, che si inserisce in una serie di donazioni, tra cui un primo carico nello scorso mese di aprile, di oltre 15 tonnellate, ed altre programmate, che permetteranno alle Autorità locali di poter curare le malattie diffuse nella regione, e di  sostenere interventi chirurgici per centinaia di persone bisognose, nonché di provvedere alla consegna di kit di emergenza per il trattamento sanitario e per l’intervento chirurgico d’emergenza.

I farmaci pronti per essere spediti in Niger.

Il recupero del materiale sanitario si è sviluppato grazie ai continui e proficui contatti con il Ministero degli Affari Esteri e con la Cooperazione Internazionale, con il coinvolgimento delle Nazioni Unite che hanno reso disponibile la Base di Pronto Intervento Umanitario (UNHRD) di Brindisi e con lo Stato Maggiore della Difesa che ha fornito il vettore aereo C 130 J della Brigata Aeromobile di Pisa,  necessario per il trasporto e per la consegna alle autorità nigerine del materiale sanitario di circa 12 tonnellate.

La consegna di tale materiale è avvenuta presso l’aeroporto militare di Niamey, alla presenza dei rappresentanti dei Ministeri della Salute Pubblica e della Difesa del Niger. A seguito di tale evento, sarà programmata una cerimonia di donazione presso l’Ambasciata d’Italia in Niamey, alla quale prenderanno parte Autorità locali ed Autorità civili e militari italiane.

Tale donazione rappresenta un segno della volontà di supportare fattivamente le autorità nigerine a fronteggiare una situazione emergenziale e costituisce, nel contempo, una chiara dimostrazione di come le missioni svolte dalle Forze Armate all’estero si caratterizzino sempre più marcatamente come interministeriali e inter-agenzia, nonché come espressione del concreto impegno dell’intero Sistema Paese.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore