Kosovo-Albania, si fanno sempre più stretti i rapporti commerciali. In aumento l’import-export tra i due Paesi

Tirana. Si fanno sempre più stretti i rapporti economici tra il Kosovo e l’Albania. Tirana guarda a Pristina non solo dal punto di vista politico, come la questione della Grande Albania, ma anche nel movimento di denaro. Basti pensare alle esportazioni che hanno segnato una forte crescita a novembre scorso, sostituendo alcuni prodotti nei mercati kosovari che prima erano importati dalla Serbia. Paese acerrimo rivale del Kosovo.

Il Kosovo abbandona l’import di merci dalla Serbia

Le relazioni commerciali tra Albania e Kosovo riflettono le debolezze strutturali delle rispettive economie. Vengono esportate materie prime e prodotti agricoli senza alcun valore aggiunto. Entrambi i Paesi hanno un’economia basata sui consumi, che in entrambi i Paesi è ampiamente finanziata dagli afflussi di migranti.

Secondo i dati ufficiali sul commercio estero pubblicati da INSTAT, le esportazioni in Kosovo sono cresciute del 34%, rispetto allo stesso periodo del 2017.

I più alti tassi di crescita si riscontrano per materiali da costruzione e metalli. Durante il periodo di 11 mesi, questo gruppo ha riconosciuto la più forte crescita delle esportazioni in Kosovo di circa il 42%. L’export di materiali da costruzione sono dominate dal ferro e sono vendute dalla società Kurum in Kosovo.

Le esportazioni albanesi sono state pari, a novembre, a circa 25 miliardi rispetto ai 19,4 miliardi nello stesso periodo dell’anno precedente, con un incremento del 28%.

Nel corso del 2018 i tassi di crescita dell’export sono aumentati notevolmente. Mentre la crescita nel 2017, rispetto al 2016, era stata del 16%. I mesi che hanno registrato segnali di forte espansione sono stati quelli di settembre, ottobre e novembre, con oltre il 40% in ciascun mese.

Le esportazioni di ferro e di altri materiali da costruzione hanno rappresentato il 50% della quota delle esportazioni, segnando la crescita maggiore rispetto ad altri gruppi. Si è registrata anche una forte crescita nell’esportazione di minerali e combustibili del 29%. Al primo posto ci sono le vendite di petrolio.

Esperti dell’economia e degli affari in Kosovo hanno affermato che l’Albania potrebbe diventare il sostituto della Serbia nei mercati del Kosovo per il ferro ed il petrolio.

Berat Rukiqi della Camera di commercio kosovara ha spiegato che il Paese delle Aquile potrebbe facilmente sostituire alcuni sottoprodotti di petrolio e ferro importati dalla Serbia. Il valore del ferro importato da questo Paese in Kosovo è stato di oltre 80 milioni di euro nel 2017.

Mentre il valore del ferro e di altri materiali da costruzione importati dall’Albania, nel corso del 2017, è stato di oltre 90 milioni di euro.

L’import di prodotti kosovari verso l’Albania è stato altrettanto proficuo per la bilancia commerciale del Paese. Le importazioni dal Kosovo, a novembre, hanno raggiunto circa 8 miliardi di euro, con una crescita del 5% rispetto allo stesso periodo del 2017.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Autore