Legione straniera, entro il 2019 previsto il reclutamento di 1.245 volontari. Importante è: servire la Francia

Parigi. Sono stati 3 anni di intenso reclutamento per la Legione Straniera. Tra il 2015 ed il 2018, ha così ricostituito i numeri che le erano propri fino a 30 anni fa.

Stiamo parlando di 8.900 militari, pari all’11% degli effettivi della Forza operativa terrestre (FOT) dell’Esercito.

L’anno passato, in un articolo di stampa pubblicato in occasione del 14 luglio, Festa della Repubblica francese, il Comando della Legione straniera spiegava che questo grande aumento degli effettivi era “quasi compiuto.

Questo grande reclutamento, secondo il Comando, terminerà definitivamente solo quando tutti gli specialisti ed i graduati necessari saranno formati.

Nel 2014, la Legione aveva reclutato 949 nuovi legionari. Con la decisione di aumentare gli effettivi del FOT, dopo gli attentati di gennaio 2015 ed il lancio dell’operazione interna “Sentinelle” (simile alla nostra Operazione “Strade sicure”), gli uffici di reclutamento hanno continuato a lavorare senza sosta.

Militari francesi impegnati nell’Operazione Sentinelle

Nello stesso anno, 1.809 reclute hanno raggiunto le caserme. Nel 2016 è accaduto per altri 1.701 militari.

Addestramento della Legione Straniera

Poi, per i due anni successivi, l’obiettivo in materia di reclutamento è stato rivisto al ribasso (1.377 reclute in 2017 e  solo 1.100 in 2018). Per il 2019, la tendenza è di nuovo al rialzo perché, secondo un annuncio postato sui social, la Legione straniera ha fatto sapere che ha bisogno di altri 1.245 nuovi legionari per l’anno in corso.

Francesi o stranieri che siano, non importa. Essa è incaricata del reclutamento dei volontari che desiderano servire la Francia (Decreto 2008-956 del 12 settembre 2008).

Se si vuole entrare nella Legione e portare il chepì bianco, occorre avere essere più di 17 anni e mezzo e meno di 39 anni e mezzo.

Dopo una visita medica, i candidati devono passare delle prove sportive per misurare la loro condizione fisica fatto di 7 trazioni complete, test Luc Léger.

Il tasso di selezione è importante. Ogni anno, oltre 8 mila candidati cercano di farne parte.

Si tratta di quelli che sono capaci e desiderosi di adattarsi alle regole della vita in gruppo e quindi possono aspirare ad essere incorporati nelle fila della Legione Straniera.

I francofoni, essenzialmente francesi, rappresentano circa il 11% degli effettivi. Molto importante la loro presenza nella truppa in quanto partecipano all’insegnamento del francese, indispensabile per comprendere gli ordini.

Il legionario-tipo ha in media 23 anni ed ha già una certa maturità ed una certa esperienza, spesso militare. Ha un buon livello di cultura generale ed un’eccellente condizione fisica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore