Marina Militare, apre un nuovo punto vendita “Nautica” dell’Istituto Idrografico

Genova. Sabato prossimo nella Stazione Marittima di Ponte dei Mille del Porto Antico di Genova, verrà inaugurato il nuovo punto vendita “Nautica” dell’Istituto Idrografico della Marina Militare.

Sarà aperto sabato a Genova il nuovo punto vendita di Nautica

All’evento parteciperanno i rappresentanti della Forza Armata e delle realtà locali e regionali, civili e militari, a sottolineare la vicinanza e connubio con il territorio ligure.

Il punto vendita “Nautica”, dopo un periodo di chiusura per lavori di ristrutturazione, è stato completamente rinnovato e sarà nuovamente disponibile quale luogo di riferimento per la nautica civile, commerciale e da diporto per l’acquisto dei vari prodotti editoriali dell’Istituto Idrografico come le carte e i documenti nautici, l’Agenda Nautica, i libri e i manuali di settore, oltre che ad essere, nella sua nuova veste, un piccolo polo museale.

Gli ambienti sono stati allestiti con i cimeli storici dell’Istituto genovese, come le matrici di rame per la stampa delle carte nautiche, gli strumenti nautici, astronomici, idrografici e geodetici, le riproduzioni di immagini d’epoca e le mappe storiche, che i visitatori potranno ammirare a testimonianza del contributo ultracentenario che la Marina Militare fornisce a favore della collettività, per tramite dell’eccellenza che lo stesso Istituto Idrografico rappresenta, per garantire la sicurezza della navigazione e svolgere attività di ricerca legate al mare e alla tutela dell’ambiente marino.

L’Istituto Idrografico della Marina è stato fondato a Genova nel 1872, con sede a forte San Giorgio. Fu costruito su uno dei bastioni della cerchia muraria cinquecentesca.

Una sala dell’Istituto Idrografico

Attualmente è responsabile del servizio idrografico nazionale e della produzione di tutta la documentazione nautica ufficiale, sia cartacea che digitale, relativa ai mari italiani.

Organo Cartografico dello Stato ed Ente della Marina Militare, l’Istituto ha il compito di concorrere alla sicurezza della navigazione, sia militare che mercantile, alla difesa della nazione e alla conoscenza e valorizzazione di tutto ciò che riguarda il mare, dal punto di vista tecnico, scientifico, ambientale e culturale.

L’Istituto opera su quattro settori: attività di campagna e di ricerca idro-oceanografica (nelle acque italiane, in quelle mediterranee e in quelle oceaniche), redazione di normativa tecnica di riferimento per la sicurezza della navigazione, produzione e aggiornamento di tutta la cartografia e la documentazione nautica ufficiale, formazione del personale idrografo, sia militare che civile (anche proveniente da altri paesi, in un’ottica di collaborazione internazionale e di capacity building di professionalità specifiche).

L’area di competenza copre una superficie di oltre 550 mila chilometri quadrati di spazi marini (una volta e mezza la superficie del Paese), in relazione a uno sviluppo costiero superiore ai 7.800 chilometri, in una regione di estremo interesse strategico, situata al centro del Mediterraneo e alla confluenza delle principali rotte marittime internazionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore