Marina Militare, il concerto di solidarietà per la Lega del Filo d’Oro

di Maria Enrica Rubino

ROMA. “La musica nella Marina Militare è sempre stata fondamentale”. A ribadirlo è il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, l’Ammiraglio di Squadra Giuseppe Cavo Dragone, intervenendo dal palco della Sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica, a Roma, in occasione del Concerto di solidarietà della Banda della Marina Militare.

Un momento del concerto della banda della Marina Militare

Evento che si è aperto sulle note dell’Inno di Mameli, eseguito dai 102 musicisti della Banda Musicale della Marina, diretta dal Capitano di Vascello Maestro Antonio Barbagallo, con il coro delle Voci Bianche dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

Dalle note del ‘Guglielmo Tell’, il celebre nonché ultimo melodramma di Gioacchino Rossini con l’arrangiamento per banda del compositore umbro Domenico Agnusdei, al Jazz Suite di Shostakovich, ripercorrendo, poi, i fotogrammi dei più celebri film del grande schermo con le colonne sonore di Nicola Piovani, John Williams e Adele, il repertorio del concerto ha abbracciato diversi generi. A completare la narrazione musicale della serata, presentata dal tenente di vascello Florinda Bruschi e dal tenente di vascello Edoardo Farina non è mancato il rock progressive anni ’80 degli Alan Parsons Project, con i brani ‘Silence and I’ e ‘Sirius’.

A conclusione dei saluti istituzionali, Cavo Dragone ha invitato sul palco gli atleti che si sono distinti ai Giochi militari mondiali in Cina: il Sottocapo 2cl Tommaso Rinaldi,  Medaglia di bronzo Disciplina Tuffi specialità trampolino 3mt sincronizzato; il Sottocapo 3cl Gabriele Auber, Medaglia di bronzo Disciplina Tuffi specialità trampolino 3mt sincronizzato; Comune 2cl Gianni Landi, Medaglia d’argento Disciplina Nuoto salvamento specialità 200mt Super Lifesaver.

Gli atleti dei Giochi mondiali militari in Cina con il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare e Benedetta Rinaldi

Il Sottosegretario alla Difesa, Angelo Tofalo, intervenendo all’evento ha ricordato l’importanza e il valore delle donne e degli uomini delle nostre Forze Armate per la stabilità e la pace nel nostro Paese.

Anche in questa edizione, la Marina Militare ha confermato il proprio impegno nel sociale sostenendo l’Associazione della Lega del Filo D’Oro, la Onlus che dal 1964 si occupa di assistenza, riabilitazione e reinserimento in famiglia e nella società di bambini, giovani e adulti sordociechi e pluriminorati psicosensoriali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore