Questione coreana, Luttwak: “Non avverrà nulla di importante. I sud coreani non hanno capacità militari”

Di Marco Pugliese

Washington. Raggiunto al telefono da Report Difesa a proposito della questione coreana, il politologo Edward Luttwak evidenzia come la Corea del Sud non abbia “una capacità militare” reale, ovvero i sudcoreani sono bravi a far parate ma di combattere non se ne parla.

Militari sud coreani

Il politologo rincara la dose: “Hanno dedicato praticamente nulla alla loro difesa, sono facciata. Hanno permesso l’ espansione di Seul senza costruire rifugi atomici ed altro. Hanno sempre sperato nella difesa Usa ad oltranza, ma ciò non cambia nulla”.

Le due Coree

Ma la Nord Corea attaccherà mai?

Lo escludo, i nordcoreani hanno sistemi archeologici e gli Usa potrebbero con azione preventiva seria distruggere l’apparto industriale e militare. Kim non può nulla, ha dei razzi belli da vedere, ma belli per un museo.

Quindi neanche Guam rischia?

Assolutamente, con l’archeologia è complicato. Vero però che Kim potrebbe distruggere Seul. La colpa è dei sudcoreani che non hanno voluto spendere per tutelarsi.

Gli Usa, quindi, non attaccheranno preventivamente le installazioni nucleari?

Escludo anche questo. Solo uno Stato al mondo fu in grado di distruggere impianti nucleari in passato: Israele. Fece un raid in Iraq e lasciò Saddam senza atomica. Fecero poi lo stesso con la Siria, tagliandole le gambe.

Quale sarà allora il comportamento del Pentagono?

Gli Stati Uniti hanno bombardieri tattici ma avrebbero bisogno di circa 8 mila missili per distruggere installazioni convenzionali, industrie e piattaforme nucleari.

Insomma, gli Usa, secondo lo stratega americano, avrebbero intrapreso una tattica atta ad innalzare al massimo la pressione mediatica. Missioni con aerei spia, B-1 e B-52 sui cieli di Seul per convincere Kim a ritrattare.

Da escludere, per il momento almeno, azioni americane di prevenzione e dagli Stati Uniti, negli ambienti strategici, non credono ad azioni dirette verso i coreani del Sud e l’isola di Guam.

Alla domanda se è possibile, attualmente, una guerra nel cyberspazio, Luttwak risponde: “E’ possiibile, ma i dirottamenti delle navi americane sono una sciocchezza. Gli apparati statunitensi sono in grado di bloccare quel genere di minaccia e soprattutto gli aerei occidentali sono in grado di bombardare elettronicamente le installazioni di difesa obsolete nordcoreane”

Il quadro geopolitico nel Pacifico è assai complesso da un punto di vista strategico e vede gli Usa, per Luttwak, impantanati nel guado coreano ed impossibilitati attualmente ad uscirne.

Gli Ssa stanno perdendo in Corea? “A livello d’immagine sicuramente, a livello strategico no – conclude il politologo -. Purtroppo gli Stati Uniti non possono quasi mai contare su alleati in grado di combattere sul serio e devono tergiversare. La Corea del Nord comunque, razzi ed armi nucleari non ne dovrebbe possedere, questo è un dato di fatto”.

Da Washington è tutto?

 

Autore