Reati cibernetici, l’Unione Europea segnala un aumento degli attacchi. Lo evidenzia lo studio legale Molegale di Pistoia

Pistoia. I reati cibernetici sono in aumento. Lo evidenzia lo studio legale Molegale di Pistoia, specializzato tra l’altro su questa materia.

L’Unione europea scende in campo per rispondere agli attacchi cyber

Dati recenti, infatti, mostrano che le minacce digitali stanno rapidamente evolvendo e che il pubblico percepisce i reati cibernetici come una minaccia importante. Basta leggere, spiegano i legali dello studio toscano, le ricerche che spiegano come dal 2015 gli attacchi con ransomware siano aumentati del 300%.

Molto importante anche l’aspetto economico che incide sull’intero sistema. L’impatto della cybercriminalità è aumentato di cinque volte tra il 2013 e il 2017 e potrebbe salire ulteriormente di un fattore quattro entro il 2019 (fonte Commissione Europea).

L’87% degli europei ritiene che la cybercriminalità rappresenti un problema significativo per la sicurezza interna dell’Unione. La cybersicurezza è essenziale sia per la nostra prosperità che per la nostra sicurezza, evidenziano ancora i legali.

E vista la crescente dipendenza della nostra vita quotidiana e delle nostre economie dalle tecnologie digitali, siamo sempre più esposti a tale pericoli.

Al fine di potenziare la risposta dell’Unione Europea agli attacchi informatici, migliorare la resistenza informatica e aumentare la fiducia nel mercato unico digitale, la Commissione Europea ha proposto di creare un’Agenzia dell’Unione per la sicurezza informatica, fondata sull’Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione (ENISA) che migliorerà il coordinamento e la cooperazione tra gli Stati membri e le istituzioni, le agenzie e gli organismi dell’UE.

Cybersecurity.en_

Inoltre, si intende creare un quadro di certificazione dell’Unione stessa per la sicurezza informatica che garantisca l’affidabilità dei miliardi di dispositivi (“Internet of Things”) che guidano le infrastrutture critiche di oggi, come le reti di energia e di trasporto e anche i nuovi dispositivi consumer, come le auto connesse.

Attualmente l’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione (ENISA – European Union Agency for Network and Information Security; http://www.enisa.europa.eu)  è un centro di competenza per la sicurezza informatica in Europa.

Lavora molto strettamente con gli Stati membri ed il settore privato per fornire consulenza e soluzioni. Ciò include le esercitazioni europee sulla sicurezza informatica, lo sviluppo delle strategie nazionali di sicurezza informatica, la cooperazione e lo sviluppo di capacità del CSIRT (“Computer Security Incident Response Team”; sono squadre preposte a rispondere in caso di incidenti informatici) ma anche studi sull’adozione sicura del cloud, risposta a problemi di protezione dei dati, tecnologie di miglioramento della privacy e privacy su tecnologie emergenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore