Russia, affonda un pontile galleggiante a Murmansk. Danneggiata la portaerei russa Ammiraglio Kuznetsov

Mosca. A Murmansk (Nord -Ovest della Russia) è affondato, ieri, un pontile galleggiante (PD-50). L’operazione di recupero, fanno sapere le autorità, sarà alquanto complicata e potrebbe richiedere da sei mesi ad un anno.

“A causa di un’interruzione nella fornitura di energia elettrica al pontile galleggiante PD-50, l’immersione del molo è stata irregolare – ha spiegato un portavoce del cantiere -. Questo ha causato il pieno anormale dei serbatoi galleggianti, portando il bacino ad andare sott’acqua”.
A parte il PD-50, la Russia ha a Severodvinsk, un altro bacino galleggiante, il PD-1, con parametri approssimativamente identici a quello di Murmansk. È in grado di ospitare grandi navi di superficie, come l’Ammiraglio Kuznetsov o la Pyotr Veliki.
Il molo galleggiante è affondato nel momento in cui l’Ammiraglio Kuznetsov, la più grande portaerei russa in funzione, era in manutenzione. Una gru è caduta sul ponte della nave da un’altezza di 15 metri. Quattro lavoratori sono stati portati in ospedale. Uno di loro è rimasto gravemente ferito ed un’altra persona è scomparsa.

La grande nave russa Ammiraglio Kuznetsov

Il Ministero della Difesa ha concluso il contratto di riparazione navale con l’impianto di Zvyozdochka nell’aprile 2018, sperando di riavere la nave nel 2021 che è entrata in servizio nel 1991. Pesa 59.100 tonnellate ed è lunga 306 metri. È in grado di sviluppare una velocità di 29 nodi. Può portare un massimo di 50 aerei ed elicotteri e sistemi missilistici anti-nave e di difesa aerea e pezzi di artiglieria.

È stata sottoposta a riparazioni, quest’anno, in seguito alle operazioni di combattimento in Siria, dove ha perso due velivoli a causa di malfunzionamenti con gli strumenti di arresto del ponte. “A causa di un’interruzione nella fornitura di energia elettrica al pontile galleggiante PD-50, l’immersione del molo è stata irregolare”, ha detto un portavoce del cantiere. “Questo ha causato il pieno anormale dei serbatoi galleggianti, portando il bacino ad andare sott’acqua”, ha aggiunto. Una gru è poi caduta sul ponte della nave da un’altezza di 15 metri. Quattro persone sono rimaste ferite mentre una risulta ancora dispersa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Autore