Russia, terzo lancio di un missile balistico intercontinentale in 15 giorni

Di Vincenzo Santo*

(da Il Giornale -27 settembre 2017)

Mosca. La Russia ha lanciato il suo terzo missile balistico intercontinentale in quindici giorni. A differenza dei primi due test, ad essere stato lanciato pochi minuti fa dal poligono di Kapustin Yar, nella regione meridionale di Astrakhan, è un sistema Topol RS-12M (SS- 27 Sickle-B). Così come avvenuto per i precedenti due test (entrambi RS-24 Yars), anche questa volta il Ministero della Difesa russo rileva che le testate sperimentali (MIRV? MARV?) hanno raggiunto il loro obiettivo nel poligono Sary-Shagan, in Kazakistan. Mosca non dirama dettagli sul numero di testate impiegate.

“I dati relativi al lancio del Topol saranno utilizzati per sviluppare avanzati sistema di penetrazione anti-missile”. (…) Nel test del settembre dello scorso anno, il missile a guida di tipo inerziale autonomo, avrebbe dimostrato alta precisione e, complessivamente, buone prestazioni, colpendo il bersaglio designato sul poligono di tiro nella penisola di Kamchatka, in Russia. Il missile a propellente solido è immune allo Scudo Antimissile americano (ABM), grazie alle sue capacità di compiere brusche virate, rilasciare falsi bersagli oltre alla completa schermatura contro ogni tipo di attacco Emp o laser.

L’unica possibilità di abbatterlo sarebbe nella fase di spinta (Boost Phase): compito che spetterebbe agli intercettori basati in Polonia. Con i suoi diecimila km di gittata, il Topol-M potrebbe colpire impunemente qualsiasi parte degli Stati Uniti. La sua Probabilità di Errore Circolare è stimata in 200 metri: trasporta una singola testata con una resa massima di 550 kilotoni, ma può essere facilmente riconvertito per il trasporto massimo di sei testate Mirv/Marv. A differenza della sua controparte statunitense, il Topol-M può essere lanciato sia da rampe mobili che da silos. (…) Lo scorso febbraio, il comandante della Strategic Missile Forces (40 reggimenti missilistici), il Generale Sergei Karakayev, ha confermato che il 99% dei 400 missili balistici intercontinentali basati a terra ed equipaggiati con testate nucleari di diversa potenza, sono mantenuti in stato di combat-ready. Nel 2016 le Forze Missilistiche Strategiche hanno effettuato sei lanci, quattro dei quali per validare i nuovi asset. (…)

Un Topol RS-12M (SS- 27 Sickle-B)

*Generale CA (Riserva)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore