NATO, a Sigonella l’esercitazione “Tactical Training Opportunity” sulla Force Protection

Sigonella (Siracusa). I militari di diversi Paesi della NATO, degli USA, dell’Aeronautica Militare italiana, dei Carabinieri e della Polizia di Stato hanno partecipato all’esercitazione “Tactical Training Opportunity”.

L’esercitazione si è svolta al Comando Aeroporto di Sigonella e della NATO AGS Force di stanza nello stesso  sedime.

L’attività addestrativa è stata organizzata dalla NCSI (Naval Criminal Investigation Service) e dall’AFOSI ( Air Force Office of Special Investigation) degli Stati Uniti ed ha ha visto la presenza di istruttori provenienti da Washington del react (Regionale Enforcement Action Capabilities Team) del NCSI.

Un momento dell’addestramento

Militari in addestramento durante la REACT

L’attività è stata un’ulteriore dimostrazione del fatto che i rapporti e le attività tra il personale dell’Aeronautica Militare di Sigonella e, in particolare, con quello della NATO e della NAS, sono improntati secondo un profondo e convinto spirito di collaborazione.

Fondamentali in tal senso risultano le continue esercitazioni congiunte e la volontà di ottimizzare i rapporti fra le componenti le quali, pur nell’assoluto rispetto delle reciproche competenze, operano attestandosi su vertici di cooperazione eccellenti sia nell’ambito aeroportuale che nei rapporti con la comunità locale, ai vari livelli istituzionali.

In particolare, continuo è il contributo reso dalla NAS nell’ambito della difesa delle installazioni; aspetto molto importante e di responsabilità del Gruppo Protezione delle Forze del Comando Aeroporto di Sigonella.

Un’altra fase dell’addestramento

In occasione di un’altra esercitazione, la Dynamic Manta, l’aeroporto di Sigonella ha fornito supporto logistico anche i velivoli della NATO che hanno partecipato .

Presenti aerei ed equipaggi provenienti da Usa, Turchia, Canada, Francia, Spagna, Germania.

I velivoli con missioni di circa 6 ore avevano il compito di localizzare i sommergibili “nemici” in mare in difesa delle Forze navali presenti nel Mar Ionio. L’esercitazione antisommergibili ha fatto sì che gli equipaggi interagissero tra di loro con scambio di informazioni dopo ogni missione.

A turno i vari equipaggi aeronavale hanno simulato di essere preda e cacciatore.

L’equipaggio della Marina tedesca durante l’esercitazione Dynamic Manta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Autore