Sigonella, a marzo nella Base dell’Aeronautica Militare sarà operativo un rischiaramento polacco impegnato nell’Operazione “Sophia”

Sigonella (Catania). Nei giorni scorsi, il Contrammiraglio Alberto Maffeis, Force Commander di EUNAVFOR MED “Sophia”, ha visitato l’aeroporto ed il 41° Stormo Antisom dell’Aeronautica Militare di Sigonella (Catania).

Maffeis ha così ringraziato, per il supporto fornito della Base aerea Siciliana nell’ambito della citata Operazione Militare Navale dell’Unione Europea nel Mediterraneo Centromeridionale.
Il comandante dell’Aeroporto, Colonnello pilota Francesco Frare, insieme ai componenti della Forward Operating Base (FOB) – costituita su Sigonella proprio per EUNAVFOR MED – ha illustrato le varie attività e le predisposizioni adottate per il ruolo specifico rivestito dalla Base siciliana nell’Operazione, in particolare per ciò che inerisce agli assetti stranieri, presenti sul sedime già dal luglio 2015.

Il Contrammiraglio Alberto Maffeis visita un P72A nella Base di Sigonella

Al momento, operano a Sigonella i distaccamenti della Spagna e del Lussemburgo che hanno contribuito all’Operazione “Sophia” con i loro velivoli di pattugliamento marittimo.

Il contrammiraglio Maffeis con unità dell’assetto spagnolo

 

A partire dal prossimo mese sarà attivo anche un rischieramento dell’Aeronautica polacca, già presente ed in fase di implementazione logistica.

 

Militari polacchi saranno operativi da marzo prossimo

Prima di lasciare Sigonella il Contrammiraglio Maffeis ha voluto salutare il personale coinvolto nell’Operazione e visitato le infrastrutture dei loro rischieramenti.
Il Comando Aeroporto di Sigonella, gerarchicamente dipendente dal Comando Forze di Supporto e Speciali dell’Aeronautica Militare di Roma, ha il compito di fornire il supporto tecnico, logistico, amministrativo ed operativo al 41° Stormo Antisom – dotato di velivoli P-72A, al 61° Gruppo Volo – dotato di aerei a pilotaggio remoto (APR) tipo Predator ed ai reparti rischierati ed in transito sull’omonima Base Aerea, assicurando – al contempo – i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo.

Nell’ambito dei servizi alla collettività, fornisce supporto di linea volo 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno, a voli militari e di Stato, nonché a quelli per il trasporto aereo sanitario di organi e di pazienti bisognosi ed in imminente pericolo di vita.

Inoltre, è responsabile della fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata Catania, che comprende i cieli della Sicilia orientale e dei mari adiacenti, ivi compresi gli Aeroporti di Sigonella, Catania-Fontanarossa e Comiso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore