Conclusa in Germania la Vigorous Warrior, esercitazione sanitaria dei Paesi NATO

Berlino,. Si è conclusa oggi la “Vigorous Warrior”, l’esercitazione sanitaria svoltasi in Germania e a cui hanno partecipato oltre mille militari delle Forze Armate dei Paesi NATO e di alcuni partner.

Un momento dell’esercitazione Vigorous Warrior

I team sanitari interforze e multinazionali, che in queste due settimane si sono addestrati fianco a fianco, sono stati impegnati in un’esercitazione finale. La prova è consistita in attivazioni multiple, in cui più feriti dovevano essere recuperati e stabilizzati sul campo di battaglia da “ambulance team” per poi essere trasportati e ricoverati nei reparti dell’ospedale da campo ROLE 2.
L’esercitazione finale è coincisa con il Distinguished Visitors Day, dove numerosi ospiti civili e militari hanno assistito alla fase dimostrativa e visitato le diverse strutture. Presenti anche molti addetti per la Difesa dei Paesi NATO e non in Germania, direttori delle Sanità Militari nonché esponenti del mondo accademico ed istituzionale.
Per l’Italia erano presenti il vice direttore generale della Sanità Militare (IGESAN), il Generale di Divisione, Nicola Sebastiani e l’addetto militare per la Difesa, Generale di Brigata Aerea Danilo Morando.

Il Generale Sebastiani, dopo aver assistito alla prova finale ed aver visitato le strutture allestite, ha incontrato il personale italiano e con quello del Multinational Medical Joint Training Center (M2JTC), ai quali ha espresso la sua soddisfazione. “L’M2JTC – ha detto – è un chiaro esempio di struttura interforze e multinazionale che sta riscuotendo grande successo a livello internazionale. Avere un Centro in grado di addestrare e validare team sanitari, composti da personale e mezzi di diversi Paesi rendendoli pienamente operativi, ci consente di guardare ben oltre la Vigorous Warrior e di porci come riferimento nel contesto internazionale”.

La stessa soddisfazione è stata espressa dalla direzione valutatrice dell’esercitazione che ha riportato nel suo giudizio finale: “l’M2JTC sta conducendo l’addestramento multinazionale verso il futuro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore