Al via a Napoli il forum delle funzioni di Guardia Costiera del Mediterraneo (MEDCGFF)

NAPOLI. Al via quest’oggi a Napoli – presso il Centro Congressi della Stazione marittima – una due-giorni di lavori in occasione del Forum delle Funzioni di Guardia Costiera del Mediterraneo (MedCGFF), organizzata dalla Guardia Costiera italiana, su mandato della Direzione Generale per gli Affari Marittimi e la Pesca (DG MARE) della Commissione Europea che ha anche co-finanziato il progetto.

L’importante consesso internazionale è promosso in concomitanza con la Naples Shipping Week in programma – sempre a Napoli – dal 26 settembre al 1° ottobre 2022; un piano di eventi culturali aperti all’intera community dello shipping italiano e internazionale, dedicati alla “cultura del mare” con il contributo di relatori provenienti dal mondo imprenditoriale, scientifico e accademico.

L’obiettivo del Mediterranean Coast Guard Function Forum – presieduto nella precedente edizione da Francia e Marocco – è quello di facilitare la cooperazione su un’ampia gamma di temi come la sicurezza dei trasporti marittimi, la protezione dell’ambiente marino, ricercando soluzioni a problemi comuni ai 24 Paesi partecipanti, condividendo competenze e best practice.

Uno degli interventi al forum

Il MedCGFF, nato da un’iniziativa promossa dalla Guardia Costiera italiana nel 2009 a Genova, rappresenta, ancora oggi, un’importante occasione per rinforzare la cooperazione tra tutte le Agenzie internazionali operanti nel Mar Mediterraneo attraverso la condivisione di esperienze e prassi utili ad affrontare i cambiamenti che interessano il settore marittimo; un momento di dialogo  per tutti i rappresentanti di quelle Istituzioni e Agenzie con competenze relative a funzioni di Guardia Costiera nell’ambito del bacino del Mediterraneo (Paesi UE ed extra-UE).

Ad aprire i lavori, ai quali hanno preso parte anche i rappresentanti di 15 organizzazioni internazionali, il Comandante generale della Guardia Costiera italiana, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone: “In una delle città marittime per eccellenza, avviamo un modello di interazione e confronto multilaterale come il MedForum, che mette in contatto Paesi del Mediterraneo e organizzazioni internazionali, finanche Paesi extraMediterranei. Il successo della partecipazione testimonia la vitalità di una formula scelta 13 anni fa, per promuovere una piattaforma di dialogo tra organizzazioni che svolgono funzioni di Guardia Costiera. Oggi una scelta che sosteniamo con profonda convinzione, con l’essenziale supporto del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili e con l’importante sostegno delle Agenzie Europee.”

L’ammiraglio Carlone ha concluso il suo intervento sottolineando il ruolo della Guardia Costiera italiana quale punto di riferimento nel panorama internazionale per gli ambiti operativi e formativi riguardanti le funzioni di guardia costiera.

Il tavolo dei relatori

“Negli ultimi 19 mesi, il Governo italiano – ha dichiarato il Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, Prof. Enrico Giovannini – ha messo in primo piano il ruolo del Mediterraneo, del settore marittimo, dell’economia del mare, rafforzando anche la Guardia Costiera italiana, un’organizzazione fatta di uomini e donne che ho avuto modo di apprezzare. Abbiamo reso la Guardia Costiera ancor più efficiente, investendo in mezzi e infrastrutture, in un’ottica pluridecennale.”

All’apertura dei lavori hanno partecipato, portando il proprio saluto istituzionale: l’ammiraglio di squadra Aurelio De Carolis, Comandante in capo della squadra navale, in rappresentanza del Capo di stato maggiore della Marina Militare, ammiraglio di squadra Enrico Credendino; il Dott. Paolo Mancuso, Assessore all’ambiente e al mare del Comune di Napoli, in rappresentanza del Sindaco e Christos Economou della Direzione Generale per gli Affari Marittimi e la Pesca (DG MARE) della Commissione Europea.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore