Bombe nel Foggiano: ministro Lamorgese al Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica. Pronto un piano per rafforzare gli organici delle Forze di Polizia

Foggia. Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha presieduto oggi in Prefettura a Foggia il Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica, nel corso del quale sono state valutate le misure da assumere per intensificare l’attività di prevenzione e di controllo del territorio, potenziando la strategia di contrasto già attivata.

Un momento della riunione, oggi a Foggia

 

Al Comitato hanno partecipato anche il capo della Polizia – Direttore generale della Pubblica Sicurezza, prefetto Lamberto Giannini, i Comandanti generali dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Teo Luzi e della Guardia di Finanza, Generale di Corpo d’Armata Giuseppe Zafarana, il Procuratore Nazionale Antimafia, Federico Cafiero de Raho, i  vertici della locale Procura della Repubblica e della Direzione Distrettuale Antimafia (DDA) di Bari.

Il Procuratore Nazionale Antimafia, Federico Cafiero de Raho

Il ministro Lamorgese ha partecipato, successivamente, in Prefettura, insieme al Commissario straordinario del Governo alle iniziative contro il racket e l’usura, Giovanna Cagliostro, alla presentazione dell’Associazione antiracket Fai “Luigi e Aurelio Luciani” quale segnale concreto dell’impegno di tutte le componenti istituzionali per promuovere la cultura della legalità e per essere sempre al fianco degli imprenditori locali sottoposti alle pressioni di criminali senza scrupoli che cercano di approfittare delle loro vulnerabilità.

La titolare del Viminale si collegherà, poi, in videoconferenza con il Comune di San Severo (Foggia) per dare un segnale concreto di attenzione da parte dello Stato all’amministrazione cittadina, a tutta la comunità e agli imprenditori locali duramente colpiti dalle azioni violente dei sodalizi criminali.

Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese

“Lo Stato – ha detto il ministro al termine della riunione – non può che far sentire la propria presenza con forza, anche mettendo risorse aggiuntive”.

Oggi, ha aggiunto  “mandiamo un messaggio chiaro di presenza; integreremo gli organici”.

Un agguato mafioso a Foggia

“Nel 2019 – ha  ricordato – eravamo qui per riunire un Comitato provinciale ed annunciammo l’istituzione della DIA a Foggia: promessa mantenuta nel febbraio 2020”.

Per la titolare del Viminale, inoltre, c’è bisogno “di un intervento strutturato e forte che da solo può consentire efficaci risposte alle varie fenomenologie criminali che insidiamo il territorio”.

Negli ultimi tempi ci sono state 400 misure cautelari, indagini complicate, con confische di patrimoni ingenti per quasi 30 milioni di euro.

Tra i progetti, poi, che stanno per essere conclusi vi è quello della “Cittadella per la sicurezza”, oltre ai vari interventi per aumentare la diffusione della videosorveglianza sui territori comunali.

“Massima attenzione della Prefettura di Foggia – ha concluso il ministro – per le interdittive antimafia che sono già 13 adottate in pochi mesi, testimoniando una costante attività di monitoraggio dei territori”.

Nei giorni scorsi, centinaia di agenti della Polizia di Stato e militari dei Comandi Provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza hanno eseguito decine di perquisizioni e controlli a tappeto, in molte aree considerate sensibili di Foggia e della provincia, alla ricerca di armi, droga ed eventuali catturandi.

Operazione anti droga della GDF a Foggia

E’ stata un’ operazione congiunta di controllo del territorio disposta in seguito agli attentati, nove in otto giorni, compiuti dall’ inizio dell’anno contro commercianti di Foggia e di San Severo.

All’operazione hanno partecipato anche gli uffici e i Teparti speciali delle tre Forze di Polizia (Servizio Centrale Operativo, ROS, SCICO, GICO Bari, Reparto prevenzione crimine, Carabinieri Cacciatori di Puglia, Baschi verdi, 11° Reggimento Carabinieri Puglia, cinofili, elicotteristi).

Sono stati cinturati interi blocchi di edifici e controllarti capillarmente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Autore