Caex II 2018: termina in Sardegna l’Esercitazione Congiunta dei reparti AVES

Cagliari. Sta per concludersi in Sardegna l’Esercitazione Complex Aviation Exercise Caex II 2018, la seconda fase della esercitazione complessa avente lo scopo di addestrare, rendere omogenee, approntare e validare le varie componenti dell’Aviazione dell’Esercito.
Caex rappresenta una opportunità, due volte l’anno, di effettuare esercitazioni con le varie componenti aviotrasportate seguendo una logica di razionalizzazione e di ottimizzazione di spese e consumi: accorpando infatti le diverse tipologie di esercitazioni in un unico scenario complesso si ha la possibilità di impegnare i vari Comandanti di missioni AMC (Air Mission Commander) con diversi aeromobili e compiti utilizzati in contemporanea.
Utilizzando una modalità affine a quella di Caex I 2018, tenutasi in primavera, Caex II prevede una Live Exercise (Livex) in modo da permettere la validazione di unità e mezzi per la successiva immissione in teatri operativi reali, in particolari Iraq e Afghanistan.

Recupero di uomini e cani su Ch-47 F

La Base Operativa Avanzata è rappresentata dall’aeroporto di Decimomannu (Cagliari) da cui lanciare missioni di assalto con utilizzo di aeromobili verso il poligono di Capo Teulada. L’addestramento delle Unità dell’Aviazione dell’Esercito prevede la risposta ad una crisi in uno scenario simile agli attuali teatri operativi, con operazioni e attivazioni improvvise e valutazioni sul campo dei risultati per rimodulare gli attacchi secondo l’andamento.
Come ha spiegato il Comandante, Generale di Brigata Paolo Riccò, durante il briefing iniziale, il Caex è solo l’ultima parte di una lunghissima pianificazione effettuata nei mesi precedenti: i 450 tra ufficiali, sottufficiali, graduati e truppa, i 21 elicotteri, l’aeromobile ed i sistemi utilizzati nel Caex devono seguire un preciso ordine di intervento dettato soprattutto dalle esigenze degli aeromobili. Il consumo di carburante dei velivoli ed elicotteri è il fattore chiave attorno al quale ruota la pianificazione del trasporto di equipaggiamento ed uomini, i relativi tempi di intervento per gli assalti degli elicotteri e gli interventi delle truppe a terra è condizionato alle autonomie dei velivoli e dalle loro capacità di essere nel punto giusto al momento giusto, pena il fallimento dell’operazione con, in uno scenario reale, perdite di uomini e mezzi.

Atterraggio, decollo e volo a portelloni aperti durante la missione

Gli elicotteri utilizzati sono stati: 6 AH-129, 6 UH-90, 2 UH-205, 2 HH-412 e 4 CH-47, l’aero utilizzato è un UC-228.
Lo scenario di riferimento utilizzato in Caex II 2018 è lo Skolkan, una regione fittizia situata nell’area baltica, dove un ipotetico gruppo separatista vuole l’indipendenza delle aree di popolazione a maggioranza botniaca.
Skolkan è uno scenario che ha riferimenti reali fin troppo riconoscibili: il lungo confine della Finlandia con la Russia e la presenza dei paesi baltici (Estonia, Lituania e Lettonia) fra i membri della Nato sono aree di interesse strategico per l’Occidente e l’Europa.

Un “Mangusta” durante la Caex II 2018

Lo scenario ipotizzato ha previsto interventi di AH-129 con utilizzo di munizionamento reale sia attraverso i cannoncini da 20 mm a canne rotanti che attraverso missili Spike: dall’elicottero è possibile seguire il missile fino al momento dell’impatto grazie ad una telecamera.
Fra le varie operazioni che hanno previsto anche un assalto di paracadutisti, è stato simulata la caduta di un elicottero con recupero ed evacuazione del pilota ferito, realizzando un sentiero sicuro, libero da esplosivi, per raggiungere il pilota. In questo genere di simulazioni viene utilizzato un assetto “K9”, un binomio uomo-cane anti esplosivi. Particolare attenzione verrà prestato anche all’aspetto dell’impatto ambientale dell’esercitazione: al termine delle operazioni, infatti, un apposito team di bonifica provvederà a pulire l’area dai bossoli e materiale utilizzato durante l’esercitazione altrimenti destinato a rimanere abbandonato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore