Campagne formative, Nave Palinuro alla volta della Slovenia

di Viviana Passalacqua

Trieste. “Faventibus Ventis”, domani 14 luglio Nave Palinuro salperà da Trieste alla volta del porto di Koper, in Slovenia. E, sempre “col favore dei venti”, gli allievi del secondo corso della Scuola Navale Militare “F. Morosini” di Venezia proseguiranno la pre-campagna addestrativa che costituisce la loro prima esperienza nella “palestra del mare”.

Un percorso formativo a tutto tondo, che spazia dall’apprendimento delle arti marinaresche e delle scienze nautiche, all’esperienza concreta della vita di bordo, fatta di passione, sacrificio e spirito d’avventura. Il tutto, per dare attuazione al ciclo teorico di studi seguiti al Morosini, respirando quella dimensione di valori e tradizione che si traduce in una “cultura marittima” da tramandare con amore.

Il Palinuro è infatti una Nave Scuola della Marina Militare, deputata alle campagne d’istruzione annuali per gli Allievi Marescialli della scuola sottufficiali di Taranto (Mariscuola Taranto), che si imbarcano insieme all’equipaggio per diverse settimane, affrontando un intenso training di formazione nei settori marinaresco, della sicurezza, di condotta della navigazione e di etica militare.

Un’esperienza fondamentale quella a bordo di Palinuro, goletta della Marina Militare dal fascino intramontabile: bianco e nero lo scafo, dorata la mitica polena, raffigurante il nocchiero cui Enea affidò il timone della sua nave. Le quindici vele, che raggiungono una superficie complessiva di circa 1.000 mq., distribuite sui tre alberi verticali di trinchetto, di maestra e di mezzana, e sul bompresso che sporge quasi orizzontalmente dall’estremità prodiera, concorrono a fare del veliero una delle unità più belle della Marina Militare, assegnata al porto de La Maddalena.

Oltre ad assolvere al primario compito di natura formativa, Nave Palinuro contribuisce alla promozione dell’immagine della Marina e dell’Italia nel mondo, in tutti i porti toccati, aprendosi al pubblico e incontrando le Autorità estere col calore tipico della tradizione marinaresca.

 

Autore