Carabinieri. All’Italia la presidenza di EUROGENDFOR. Generale Teo Luzi: “uno strumento prezioso a disposizione dell’Unione Europea per riaffermare nelle aree di intervento quelle condizioni di legalità che sono l’imprescindibile presupposto di ogni pacifica convivenza”

BUCAREST. Si è tenuta a Bucarest la riunione del Comitato Interministeriale di Alto Livello (Comité InterMInistériel de haut Niveau – CIMIN) che ha la funzione di controllo politico e di indirizzo strategico su EUROGENDFOR e di coordinazione politico-militare tra i Paesi.

Per l’Italia, partecipano il Ministero della Difesa, tramite lo Stato Maggioredella Difesa (SMD, il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri (a cui il capo di SMD delega la rappresentanza nazionale) e il Ministero degli Affari Esteri e cooperazione internazionale rappresentato dal vice direttore Generale degli Affari Politici e di Sicurezza.

I partecipanti alla riunione

Nell’occasione si è proceduto al passaggio di consegne tra la Presidenza romena uscente e l’Italia che subentra per il 2023.

“EuroGendFor è uno strumento prezioso a disposizione dell’Unione Europea per riaffermare nelle aree di intervento quelle condizioni di legalità che sono l’imprescindibile presupposto di ogni pacifica convivenza”. ha detto il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armasta Teo Luzi.

“Impegno operativo, codificare la dottrina di Stability Policing e l’innovazione tecnologica – ha aggiunto –  saranno i tre pilastri delle linee programmatiche della Presidenza italiana di questa istituzione delle Forze europee di polizia a ordinamento militare”.

Il Comandante Generale dei Carabinieri Teo Luzi ha illustrato le linee guida della presidenza italiana. Il primo aspetto riguarda la dottrina, con il progetto di codificare l’esperienza nelle iniziative di Stability Policing, anche a beneficio delle altre Organizzazioni internazionali impegnate negli sforzi di stabilizzazione delle aree di crisi.

Per le operazioni, EUROGENDFOR è uno strumento prezioso a disposizione dell’Unione Europea per riaffermare, nelle aree di intervento, quelle condizioni di legalità che sono l’imprescindibile presupposto di ogni pacifica convivenza.

Un momento dei lavori

“La maturazione della coscienza civile, ovunque nel mondo – ha aggiunto il Generale Luzi – rende necessario ampliare lo spettro di tali attività, rivolgendo una specifica attenzione ad aspetti ultronei direttamente connessi con la qualità della vita”.

“Penso, in particolare – ha aggiunto – alla tutela dell’ambiente, direttamente connessa con la salute degli uomini, e all’integrità del patrimonio culturale in cui si riconosce l’identità dei popoli”.

“In questa prospettiva – ha proseguito il Comandante Generale dei Carabinieri – presenteremo il nostro progetto per la costituzione del Centro di Eccellenza Internazionale Carabinieri per l’ambiente e la cura del territorio di Sabaudia (Latina) dove stiamo realizzando percorsi interdisciplinari immediatamente spendibili in contesti internazionali. Per altro verso, porteremo all’attenzione l’esperienza del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, che da oltre 50 anni cura la salvaguardia del patrimonio culturale nazionale, avendo già svolto significative missioni in diverse aree di crisi: dall’Iraq, al Libano, all’Albania”.

“Da ultimo – ha elencato come terzo punto il Generale Luzi – penso all’innovazione tecnologica. Oggi non vi è operazione che possa essere condotta senza una adeguata pianificazione anche nel dominio cibernetico. Tutte le nostre Istituzioni stanno sviluppando programmi nel settore della cyber defense”.

La Forza di Gendarmeria Europea (EuroGendFor) è uno strumento di gestione delle crisi a disposizione delle Organizzazioni Internazionali, composta da forze di polizia ad ordinamento militare degli Stati membri dell’Unione Europea.

Nata da un’iniziativa politico-militare intrapresa durante la riunione informale dei Ministri della Difesa dell’Unione Europea tenutasi a Roma l’8 ottobre 2003, è attualmente composta da Italia (Arma dei Carabinieri); Spagna (Guardia Civil); Francia (Gendarmeria Nazionale); Paesi Bassi (Marechaussée); Portogallo (Guarda Nacional Republicana); Romania (Gendarmeria romena); Polonia (Gendarmeria Militare Polacca); Turchia in qualità di “osservatore” (Jandarma) e Lituania in qualità di “partner” (Public Security Service).

L’EGF attualmente partecipa alle missioni internazionali in Mali (MINUSMA ed EUCAP SAHEL) Bosnia-Herzegovina (EUFOR “Althea”), Kosovo (Eulex), Ucraina (EUAM Ukraine), Repubblica Centrafricana (EUAM), Libia (EULPC), Niger (EUCAP SAHEL, Mozambico (EUTM), Palestina (EUPOL COPPS), Somalia (EUCAP), nonché a progettualità finanziate con fondi UE, in particolare in Tunisia e Libano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore