Carabinieri: arrestato ad Atene dalla Polizia greca un anarchico-insurrezionalista. L’accusa è di avere compiuto una serie di reati nella “Giornata dell’Indignazione” del 15 ottobre 2011

Atene. La Polizia greca, in collaborazione con i Carabinieri del ROS, ha arrestato un 39enne, italiano, ritenuto un anarchico-insurrezionalista.

I Carabinieri del ROS nel corso di un’operazione

Era ricercato in quanto deve scontare una condanna a 6 anni di reclusione per devastazione e saccheggio e danneggiamento, reati commessi in occasione dei violenti scontri con le Forze dell’Ordine avvenuti a Roma il 15 ottobre 2011, durante la manifestazione nazionale della “Giornata dell’Indignazione”, quando in Piazza San Giovanni venne assaltato e incendiato un mezzo dell’Arma dei Carabinieri in servizio di Ordine pubblico.

Nel corso della manifestazione si registrarono numerosi scontri, saccheggi e danneggiamenti lungo le vie del centro storico.

L’uomo è stato fermato nel centro di Atene.

La sua individuazione è maturata nell’ambito della complessiva manovra investigativa del ROS nei confronti del contesto anarco-insurrezionalista.

L’arresto segue l’emissione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica di Roma, con il supporto del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia (SCIP) della Direzione Centrale della Polizia Criminale, che ha operato all’estero attraverso la Rete europea di ricerca latitanti E.N.F.A.S.T. (European Network Fugitive Active Search Teams).

Il provvedimento di carcerazione era diventato esecutivo il 24 maggio scorso, quando la Suprema Corte di Cassazione aveva confermato la condanna nei confronti del militante insurrezionalista.

Era già stato attenzionato da parte del ROS di Milano, dove aveva vissuto negli ultimi periodi.

Lo stesso era poi emerso anche nella Capitale per la frequentazione del Centro Sociale Bencivenga Occupato, dove gravitavano alcuni militanti anarchici attualmente sotto processo con le accuse di essere componenti di una cellula insurrezionalista, considerata autrice di azioni dirette a Roma e in Italia. .

Il costante scambio informativo con la Polizia greca ha consentito di individuare ed arrestare il militante anarchico ricercato, in quanto risultano datati e solidi i contatti e gli scambi di esperienze tra il contesto anarchico italiano e quello greco, legati negli anni da numerose campagne d’azione in solidarietà ai militanti imprigionati e più in generale contro la repressione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore