Carabinieri e Polizia di Stato: rapina pluriaggravata alla Stazione Termini di Roma. Quattro in carcere

Roma. I carabinieri del Nucleo Scalo Termini e gli agenti del Commissariato  Viminale,  hanno arrestato S.D.C., rumeno di 25 anni, H.M.A.M., egiziano di 19 anni, S.M.A.M., egiziano di 21 anni e T.M., anche lui egiziano di 24 anni.

Il presidio dei Carabinieri alla Stazione Termini di Roma

E’ stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Roma su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale capitolino – Pool reati contro il patrimonio, perché tutti,  in concorso tra loro e con un’altra persona resasi irreperibile, sono accusati di avere compiuto una rapina pluriaggravata ai danni di due giovani, rispettivamente un romeno ed un ecuadoregno nei pressi della Stazione
Termini, il 18 maggio scorso.

Le due vittime, mentre si trovavano in Piazza dei Cinquecento, sono state derubate della loro cassa acustica portatile da parte di un gruppetto di ragazzi che avevano appena conosciuto e, nel richiederla indietro, sono stati avvicinati da un individuo, poi
riconosciuto per S.D.C. grazie ai vistosi tatuaggi al volto, che li ha minacciati con una pistola, ed insieme agli altri complici, ha colpito al volto una delle vittime, portandogli via il portafogli, il telefono cellulare e un orologio da polso, sempre sotto minaccia dell’arma
costringendo l’altro ragazzo ad alcuni prelievi bancomat con la sua carta di credito, prelievi mai fatti poiché, furbamente, la vittima sbagliava volontariamente il PIN.

Gli agenti, presa la denuncia dei due ragazzi, grazie a una minuziosa indagine, sono riusciti a riconoscere S.D.C, H.M.A.M e un altro soggetto resosi irreperibile, tutti soggetti dediti a questi reati nella zona della Stazione Termini.

Successivamente sono stati riconosciuti con certezza dopo un’individuazione fotografica da parte delle vittime.

T.M, pochi giorni dopo, è stato riconosciuto e controllato dagli agenti nei pressi dello scalo ferroviario capitolino con ancora addosso i vestiti usati per la rapina, mentre S.M.A.M. è stato riconosciuto in sede di individuazione fotografica dalle vittime presso il Nucleo Carabinieri Scalo Termini.

Vista la gravità dei fatti, la Procura della Repubblica di Roma – Pool reati contro il patrimonio ha chiesto ed ottenuto dal G.I.P. del Tribunale, nei confronti dei 5 la misura cautelare della custodia in carcere.

Sono ancora in corso le ricerche della quinta persona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore