Carabinieri: Napoli, confiscati i beni del clan Polverino

Marano di Napoli. I Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno eseguito, oggi, un provvedimento di confisca, emesso dal GIP del Tribunale partenopeo su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, di una cooperativa, una società (rispettivamente, operanti nel settore edile e della commercializzazione di bevande), nonché un appartamento e due locali commerciali già sottoposti a sequestro preventivo.

Operazione dei Carabinieri nel Napoletano

Tutti i beni sono riconducibili – attraverso intestatari fittizi –  ad esponenti apicali del clan Polverino (egemone a Marano di Napoli, Villaricca, Quarto e Qualiano) condannati per “associazione di tipo mafioso”.

In particolare, le indagini patrimoniali hanno permesso di documentare la riconducibilità di fatto della società e della cooperativa a 3 affiliati al sodalizio (dedito prevalentemente alle estorsioni e al traffico internazionale di stupefacenti).

I capitali illecitamente accumulati nei circuiti imprenditoriali del settore edile e della distribuzione alimentare venivano reimpiegati.

I militari hanno ricostruito l’intero assetto patrimoniale (composto da un appartamento e due locali commerciali), per un valore complessivo di un milione di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore