Carabinieri: operazione nel Napoletano contro le violazioni delle normative ambientali.

Napoli. Continua l’azione di controllo dei Carabinieri del Comando per la Tutela Ambientale e la Transizione Ecologica, coordinati dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata (Napoli), per contrastare il fenomeno delle violazioni in materia ambientale presso i principali impianti produttivi e di trattamento di rifiuti nell’hinterland vesuviano.

I Carabinieri del NOE in azione

I Carabinieri del N.O.E. di Napoli, supportati dai militari del Gruppo Carabinieri di Torre Annunziata, nell’area industriale compresa tra i comuni di Torre Annunziata, Pompei e Castellammare di Stabia, hanno proceduto al controllo di 4 opifici industriali, operanti nel settore della lavorazione del marmo, della cantieristica navale e del movimento terra e del recupero rifiuti.

In sede di controllo i militari del reparto Speciale dell’Arma, hanno accertate plurime violazioni alla normativa ambientale, con particolare riferimento allo scarico delle acque reflue industriali e allo stoccaggio dei rifiuti e alle emissioni in atmosfera.

Nello stesso contesto, in uno degli opifici controllati, si accertava l’esistenza di alcune edificazioni abusive, realizzate in assenza dei titoli autorizzativi ed in violazione alla normativa paesaggistica.

Al termine delle ispezioni i militari dell’Arma hanno deferito, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica torrese: 2 persone per scarico di acque reflue sul suolo in assenza di autorizzazione, una persona per gestione illecita di rifiuti, una persona per emissioni in atmosfera non autorizzate ed edificazione di opere in assenza di autorizzazione paesaggistica.

E’ stato sequestrato un capannone adibito a uffici e area di lavorazione con macchinari e attrezzi ivi allocati.

Sono ancora in corso le verifiche necessarie finalizzate ad accertare il livello di contaminazione del suolo ove venivano scaricati i rifiuti liquidi e a classificare i rifiuti abbandonati per il successivo corretto smaltimento, a spese degli indagati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore