Carabinieri: parte il piano di Sicurezza del Viminale per il G20. Gli assetti operativi dell’Arma

Roma. La Capitale è blindata.

Un evento come quello del G20 che riuniti, nel quartiere dell’EUR, i leader di 20 Paesi più importanti nel mondo, presuppone piani di sicurezza elevati alla massima potenza.

Predisposta una forte vigilanza anche nell’area del Vaticano

Per questi, oltre al personale dei presidi territoriali vengono impiegate  5.296 unità di rinforzo, di cui 2.542 della Polizia di Stato, 1.774 dell’Arma dei Carabinieri, 580 della Guardia di Finanza e 400 unità dell’Esercito grazie ad un’apposita e temporanea estensione del contingente impiegato nell’Operazione nazionale “Strade Sicure” riservato a Roma che sale così complessivamente a circa 2 militari.

Sono stati messi in atto, fano sapere dal Ministero dell’Interno, di “una serie articolata e mirata di dispositivi che, anche grazie al potenziamento delle attività di prevenzione e all’intensificazione dei servizi di vigilanza del territorio e del Web, è finalizzata a garantire il regolare andamento del vertice internazionale e la necessaria tutela delle delegazioni straniere”.

Il Viminale ha predisposto tutto il piano di sicurezza

E’ stata anche incrementata la sorveglianza e la difesa dello spazio aereo della Capitale attraverso il concorso di assetti specialistici delle Forze Armate, inclusi i sistemi anti-drone.
Nell’area del Centro congressi “La Nuvola” nel quartiere EUR,  è prevista l’istituzione di una zona di massima sicurezza, nella quale è interdetto il traffico veicolare e pedonale, salvo che per i residenti e per le altre persone autorizzate.

Carabinieri di fronte alla “Nuvola”

Nell’ambito delle attività di prevenzione, come da prassi consolidata in occasione di eventi analoghi, è stato anche ripristinato il controllo alle frontiere interne nazionali a decorrere fino alle ore 13.00 di lunedì. 

Resteranno chiuse dalle 13 di oggi e fino a cessate esigenze nella stessa giornata 9 fermate della metro al centro di Roma.

Le stazioni metro interessate dalle chiusure saranno Termini (sia per la linea A sia per la B), Repubblica, Barberini, Spagna, Flaminia, Circo Massimo, Colosseo, Castro Pretorio e Cavour.

Sempre, oggi, ci sarà la chiusura completa di via Nazionale al traffico veicolare e ai bus.

Previsti controlli capillari intorno e fuori dell’area dove si svolgerà il G20

Sarà consentito solo il transito a piedi dopo un filtraggio. Questa sera è, infatti, in programma la cena al Quirinale.

L’Arma dei Carabinieri mette in camnpo, in questa occasione, una serie di assetti che vanno dai Nuclei Radiomobile con auto e moto per viabilità alle delegazioni, al personale in borghese dei Nuclei Informativi, ai militari Reparti Mobili, a quelli adetti alle scorte e alla sicurezza.
Oltre agli artificieri ai cinofili, agli elicotteristi, ai Carabinieri dell’Arma territoriale impiegati nei servizi di controllo e prevenzione.

Tiratori scelti dei Carabinieri

A vigilare contro il rischio di attentati terroristici i tiratori scelti e Carabinieri delle Aliquote di Pronto Imtervento (API) delle Squadre Operative di Supporto) (SOS).
Intanto, i Carabinieri della Compagnia Roma Centro hanno eseguito mirati controlli lungo le vie dello shopping del centro storico e nell’area archeologica tra via dei Fori Imperiali e Colosseo, nell’ambito dei servizi preventivi in vista dell’arrivo dei grandi della Terra.

I militari del Comando Roma Piazza Venezia hanno sanzionato 6 cittadini, 5 del Senegal e uno del Bangladesh, tutti senza fissa dimora, intenti al commercio ambulante illegale.

I controlli in via del Corso

Gli stranieri sono stati sorpresi  mentre cercavano di vendere la loro merce ai numerosi turisti in transito nei pressi dell’Anfiteatro Flavio.
I Carabinieri li hanno sanzionati per complessivi 32.400 euro e a loro carico è stato emesso anche l’ordine di allontanamento dal centro storico per 48 ore. Sequestrati, inoltre, oltre 200 articoli.

I Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina hanno arrestato due cittadini romene, entrambe 20enni senza fissa dimora e con precedenti, ritenute responsabili di aver derubato un 73enne romano in via del Babuino, approfittando della difficoltà motoria
dell’anziano che camminava con una stampella e con l’aiuto della moglie.

I militari le hanno notate mentre hanno avvicinato alle spalle la vittima e dopo aver aperto il borsello che aveva a tracolla, gli hanno asportato il portafogli, contenente documenti personali, carta di credito e la somma contante di 150 euro.

I Carabinieri le hanno bloccate recuperando la refurtiva, riconsegnata all’anziano.

Le arrestate sono state portate in caserma e trattenute in attesa del rito direttissimo. Sono accusate di furto aggravato in concorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore