COVID-19: CARABINIERI, ORGOGLIO ITALIANO

Di Francesco Ippoliti*

Roma. NEI SECOLI FEDELE, fedele alle istituzioni, fedele all’Italia tutta, fedele al popolo italiano.

In questo periodo di emergenza nazionale, ove le istituzioni e tutto il popolo italiano, di ogni colore e credo, sono chiamati ad una prova di unità e di coraggio, ove i medici e gli operatori sanitari stanno facendo miracoli per salvare le vite umane, i Carabinieri, un orgoglio unico della nostra Italia, sono presenti in ogni angolo della nostra Nazione, al fianco di ogni cittadino, pronti a proteggere quelle istituzioni libere che ci sono state date dai nostri padri ed a tutela del cittadino.

Carabinieri in servizio in un’area rossa per l’emergenza Covid-19

Sono tanti, oltre 100 mila, sparsi nel territorio, in Comandi e Stazioni, legame del luogo, silenziosi ma sempre presenti.

L’Arma dei Carabinieri, con oltre 200 anni di pura storia italiana, ha vissuto ogni evento dell’Italia, ha saputo esaltare le sua credibilità, essere il vero punto di riferimento e di aggregazione per il cittadino.

Una pattuglia di Carabinieri nella I Guerra Mondiale

Nei momenti più bui si è dimostrata quel faro di speranza ove potersi dirigere, quello scoglio ove aggrapparsi e sperare. E nel donare le proprie vite alla Patria ha saputo infondere fiducia alle giovani generazioni.

In questa lotta ad un virus subdolo ed assassino, l’Arma, nella sua interezza sta facendo un fronte unico, una schiera di uomini e donne che, consci del loro rischio, sono presenti puntualmente con il fato della storia.

Ogni giorno migliaia di Carabinieri, di ogni grado e qualifica, uomini e donne, “sfogliano il brogliaccio” e “montano di servizio”, indossano un’uniforme storica e ricca di gloria e si apprestano ad essere “il Carabiniere”, colui che protegge e, nella sua complessa articolazione, colui che salvaguarda questo nobile Paese.

Grande l’impegno dell’Arma dei Carabinieri nella difesa della sicurezza e della salute in questi mesi di pandemia

Non hanno molti strumenti per lottare contro il Coronavirus ma ci sono.

Si vedono per strada, con una semplice mascherina ed un paio di guanti, controllare, osservare, fermare e consigliare, rimproverare per le troppe leggerezze del cittadino ormai stanco di questa situazione difficile, ma sempre attenti e vigili, con turni a volte massacranti ma consci della loro missione.

Spesso il cittadino non si mette nei loro panni, per come vivono, provano e pensano in queste situazioni di emergenza nazionale.

E’ facile criticarli, ma anche loro sono padri e madri di una normale famiglia e devono essere sempre attenti e anteporre il loro “servire la Patria” alla sicurezza nella propria casa.

Ed il “servire la Patria” è sempre una nobile causa, che infonde quel coraggio che serve per superare ogni difficoltà.

Dietro alla risposta telefonica “Pronto Carabinieri” vi è un tutto un pianeta di organizzazione che si mette in moto per cercare di dare una risposta, una soluzione o anche una parola.

Carabinieri motociclisti

Non è rado sentire persone sole ed anziane che chiamano i Carabinieri solo per un conforto, una frase terribile “Mi sento solo e volevo parlare con qualcuno”, oppure nella disperazione della crisi economica chiedere aiuto per un po’ di generi alimentari.

Sono notizie di queste giorni, l’Arma che, nei suoi compiti istituzionali per fornire sicurezza e legalità, è sempre vicina alle persone che soffrono, in difficoltà, con i media che sottolineano solo la punta di un iceberg come consegnare la pensione alle persone anziane che non riescono più a raggiungere l’Ufficio Postale, oppure la spesa alle persone ammalate , in quarantena e sole, le bombole di ossigeno per gli ospedali, i computer per gli studenti in difficoltà e molto molto di più.

Quante altre migliaia di ulteriori azioni non vengono riportate dai media, non fanno notizia, ma fanno piena normalità.

L’Arma è un’organizzazione complessa, poliedrica e multiforme, una struttura che abbraccia tutti i campi della nazione per attività ed operazioni per la sicurezza in ogni suo aspetto.

L’organizzazione è ben riportata nel sito Web dell’Arma, ove di nota una componente scolastica, territoriale, mobile e speciale e per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare.

Allievi Carabinieri

L’organizzazione Mobile e Speciale comprende Reparti dedicati a compiti particolari, di elevata specializzazione.

In questa struttura possiamo notare la Divisione Unità Mobili, nella quale si può sottolineare la presenza, tra l’altro, del Reggimento Paracadutisti “Tuscania”, la Divisione Unità Specializzate, composta da Reparti altamente qualificati come la Tutela del Patrimonio Culturale (i Caschi blu della Cultura) unici nelle organizzazione delle Polizie mondiali, il Raggruppamento Operativo Speciale (ROS) e molto altro.

Uo stand dei Carabinieri Tutela Culturale

E in un mondo in cui per lungo tempo si è sottolineato il valore del nostro pianeta, anche l’Arma da costantemente il suo contributo con il Nucleo Operativo Ecologico (NOE) per la vigilanza, la prevenzione e la repressione delle violazioni a danno dell’ambiente.

I Carabinieri del NOE nel corso di un controllo

Sempre più importanti, invisibili ma presenti, preparati e pronti anch’essi nella lotta contro il COVID-19.

E come non pensare ai reparti aerei, gli Squadroni Eliportati Cacciatori nella quotidiana lotta per imporre la legalità e la presenza dello Stato ed i reparti navali che tante vite salvano in mare.

I Carabinieri Cacciatori di Calabria in azione

Come si vede i Carabinieri, sono tanti, ma sono sempre troppo pochi per questo nostro volere e desiderio di essere cittadini italiani.

Ed oggi, giornata di festa e che il normale cittadino vive in pace in famiglia, il Carabiniere continua a “montare di servizio”, è per strada, in una splendida giornata di Primavera, vigile, attento ed è sempre pronto per noi.

Abbiamo l’obbligo morale di pensare al loro lavoro che sono esposti al pericolo come tutti coloro che combattono contro il Coronavirus.

Ed una preghiera ai Carabinieri deceduti in servizio per il COVID-19 e che ancora non possono essere avvolti dal loro amato tricolore.

GRAZIE di cuore a tutti i Carabinieri e tantissimi Auguri di Buona Pasqua, in qualsiasi strada voi siate.

*Generale di Brigata Esercito (AUS)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore