Difesa: Il Generale Figliuolo in missione in Kuwait, incontra l’ambasciatore italiano e porta il saluto al contingente italiano di Ali al Salem

KUWAIT CITY. Il Comandante Operativo di Vertice Interforze e l’Ambasciatore d’Italia Lorenzo Morini incontrano a Kuwait City le autorità politiche e militari locali, poi il saluto al contingente italiano nella base di Ali al Salem.

Il Generale Figliuolo al Task Group Devil

Nei giorni scorsi il Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, Comandante Operativo di Vertice Interforze (COVI), ha concluso una visita ufficiale in Kuwait, dove ha incontrato diverse autorità politiche e militari e ha fatto visita all’Italian National Contingent Command Air/Task Force Air Kuwait (IT NCC Air/TFA-K) rischierata nella base aerea di Ali al Salem. Insieme all’Ambasciatore d’Italia Lorenzo Morini, il Comandante del COVI è stato ricevuto dall’Assistant Undersecretary for Foreign

Procurement, la Dott.ssa Shamayel Ahmad Khaled Al Sabah. Presenti all’incontro anche l’Addetto militare per la Difesa, il Colonnello Michele Rega e il parigrado Paolo Castelli, comandante del contingente italiano.

Il comandante del COVI in visita all’IT NCC Air

Con la Dott.ssa Al Sabah è stato tracciato un quadro della generale situazione di sicurezza nella regione e si è parlato di futuri sviluppi in tema di cooperazione militare bilaterale tra Italia e Kuwait, Paesi
uniti nell’impegno comune di contrastare il terrorismo nell’ambito della Coalizione globale per la lotta al Daesh.

Il Generale Figliuolo ha sottolineato quanto l’Italia si sia impegnata concretamente, con l’operazione “Levante”, per portare aiuti umanitari alle popolazioni colpite dalla guerra in corso in Palestina. Ha inoltre evidenziato lo sforzo italiano per contribuire alla pace e alla sicurezza mediante una presenza militare che vede le Forze Armate italiane schierate in Iraq e Kuwait con l’operazione “Prima Parthica”, così come nello Stretto di Hormuz, in quello di Bab el-Mandeb, nel Mar Rosso, nel Golfo di Aden e sino alle coste del Corno d’Africa con le operazioni di difesa marittima “Aspides”, EUNAVFOR “Atalanta” e Combined Task Force 153.

Il Generale Figliuolo stringe la mano a tutti i militari del Task Group SAMPT

Successivamente, la delegazione ha raggiunto il Comando Interforze del Kuwait, dove il Generale Figliuolo ha incontrato il suo omologo, il Brigadier Generale Mubarak AlZuabi, con il quale si è discusso di addestramento in campo aeronautico e di alta formazione di Ufficiali kuwaitiani presso le Accademie e gli istituti di formazione militari italiani.

La visita è proseguita presso la sede dell’Ambasciata italiana. “È un onore incontrare tutti coloro che rappresentano l’Italia nel mondo”, ha detto il Generale Figliuolo salutando il personale civile e militare presente. Nel portare i saluti del Ministro della Difesa Guido
Crosetto, ha manifestato loro il proprio compiacimento per il dialogo continuo e costruttivo con le autorità kuwaitiane, che ha come perno la “squadra Italia” e la forte sinergia tra gli Esteri e la Difesa.

L’Ambasciatore Morini, grato per la visita, ha raccontato con un piccolo aneddoto che il Generale Figliuolo è ben conosciuto anche in Kuwait, in quanto nell’azione di contrasto alla diffusione del COVID19, le autorità kuwaitiane avevano preso come modello di riferimento proprio quello italiano, basato su una leadership e su una organizzazione dettata dall’allora Commissario straordinario Figliuolo e che aveva visto la Difesa tra i principali protagonisti della campagna vaccinale nazionale.

Nella base aerea di Ali al Salem, il Comandante del COVI ha incontrato i militari del Task Group SAMP/T “Scutum”, una delle unità inquadrate nell’IT NCC Air. Dal 2022, con il sistema d’arma controaerei e anti-missile balistico SAMP/T, il Task Group ha svolto il compito di assicurare la difesa dello spazio aereo kuwaitiano, integrandosi con il sistema di difesa aerea di Teatro nel proteggere gli assetti e le forze nazionali, della Coalizione Inherent Resolve e della Nazione ospitante dalle minacce provenienti dalla terza dimensione.

La missione dello “Scutum” è terminata e, prossimamente, il personale e il sistema d’arma rientreranno in Italia. Rivolgendosi ai militari del Task Group il Comandante del COVI ha espresso tutta la sua soddisfazione per il lavoro svolto, sottolineando che “l’artiglieria controaerea ha dimostrato di essere una compagine professionale, capace e pienamente integrata nella difesa aerea e missilistica della Coalizione”.

La visita è proseguita al campo italiano, dove il Generale Figliuolo è stato aggiornato dal Comandante dell’IT NCC Air sulle attività condotte dal contingente.

Foto di gruppo

Accompagnato dal Colonnello Castelli, il Comandante del COVI si è recato negli hangar dei “Tornado” del Task Group Devil e dei “Predator” del Task Group Araba Fenice, che svolgono missioni di ricognizione tattica e Intelligence, Surveillance and Reconnaissance
(ISR) e nella sede operativa dell’Italian Integrated Multisensor Exploitation Capability, cellula interforze che opera in stretta connessione con gli assetti aerei, perché analizza le immagini collezionate per loro tramite e le elabora a vantaggio della coalizione
internazionale. E ancora, al Task Group Medal, che con velivolo C-130J garantisce le attività di Medical Evacuation, di Air Lift e di trasporto tattico non solo per il personale dell’operazione “Prima Parthica”, ma anche per i contingenti italiani schierati in Somalia e
a Gibuti.

I velivoli italiani dell’Aeronautica Militare, durante solo quest’anno, hanno effettuato più di 3000 ore di volo nei cieli del Kuwait e dell’Iraq. Il Generale ha fatto visita a ciascuna delle diverse unità, cellule e articolazioni italiane presenti ad Ali al Salem, visitandone i locali e parlando con i militari impegnati nelle loro postazioni di lavoro: il Centro Amministrativo d’Intendenza Interforze, i logisti della Joint Multimodal Operational Unit (JMOU), gli uffici e le sezioni tecniche dell’IT NCC Air, il personale di staff italiano inquadrato nel Combined Joint Task Force dell’operazione Inherent Resolve, ubicata nella vicina base USA di Camp Arifjan.

Particolarmente importante è stato il momento dell’incontro con il personale del contingente italiano, schierato per la cerimonia dell’Alzabandiera. “Il contributo che questa Task Force, così variegata, dà alla Coalizione è un apporto di grande qualità. È
molto apprezzato dai nostri alleati e ancor di più dalle Nazioni che ci ospitano” ha detto il Generale Figliuolo, “questo è davvero un contingente che può fornire molte lezioni apprese, perché esprime delle professionalità che raramente possono essere messe insieme a
livello interforze in Patria”.

La visita del Generale Figliuolo alle unità schierate in Kuwait rientra nell’azione di coordinamento e di direzione che il Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI) esercita sulle attività operative svolte dalle Forze Armate all’estero. Il COVI è infatti l’alto Comando
della Difesa deputato alla pianificazione, coordinazione e direzione delle operazioni militari, delle esercitazioni interforze nazionali e multinazionali e delle attività a loro connesse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore