Difesa: La Giornata del Personale Civile celebrata nel palazzo Segredifesa, con eventi su tutto il territorio nazionale

ROMA. La Difesa celebra oggi la Giornata del Personale Civile, un’occasione per rimarcare, ora più che mai, in una fase storica di contesto internazionale instabile, quanto i dipendenti non militari del dicastero costituiscano una realtà cardine del sistema. Si tratta, infatti, di un ricco bacino di capacità tecniche, amministrative e dirigenziali che, come è ormai da tradizione annuale, è stato onorato stamani con la consegna delle medaglie d’oro, d’argento e di bronzo a chi ha prestato servizio per 40, 30 e 20 anni.

Alcuni momenti della Giornata del Personale Civile della Difesa 2024

In concomitanza con eventi su tutto il territorio nazionale, alla cerimonia tenuta a Palazzo Guidoni, sede di Segredifesa, hanno partecipato il Ministro della Difesa Guido Crosetto, il Sottosegretario di Stato alla Difesa Senatrice Isabella Rauti e, a far gli onori di casa, il Segretario Generale della Difesa e Direttore Nazionale degli Armamenti, Generale di Corpo d’Armata Luciano Portolano. Il Vice Segretario Generale della Difesa, dott.ssa Luisa Riccardi, si è recata a La Spezia, mentre il Direttore Generale per il Personale Civile, dott.ssa Maria De Paolis, ha partecipato all’omologa cerimonia a Taranto.

“La sinergia tra la componente civile e quella militare è fondamentale per la Difesa – ha affermato il Ministro Crosetto -L’obiettivo di migliorare si raggiunge affrontando le stesse sfide: crescere, progredire, essere più efficienti. Abbiamo davanti a noi la possibilità di intraprendere un percorso comune per portare la Difesa ad affrontare scenari e minacce futuri. Oggi voglio ringraziarvi per quanto avete fatto, per ciò che farete, consapevole del ruolo essenziale che avete. Le organizzazioni diventano rilevanti a livello globale solo se il personale opera con passione e motivazione”.

Vale la pena ricordare che la Direzione Generale per il Personale Civile è inserita nell’ambito di Segredifesa e, nel discorso di benvenuto stamani a Palazzo Guidoni, lo stesso Generale Portolano ha rimarcato quanto in lui si sia rafforzata, svolgendo il suo attuale incarico, la consapevolezza del ruolo fondamentale svolto dalla componente civile della Difesa. Il Segretario Generale ha affermato di aver potuto apprezzare professionalità, competenze e la forza che si genera quando la componente civile e quella militare operano “spalla a spalla”, sorrette dagli stessi princìpi morali.

“Oggi ricorre la Giornata del personale civile dell’Amministrazione della Difesa – ha detto  il Sottosegretario alla Difesa, Sen. Isabella Rauti – istituita nel 1963. Donne e uomini che con professionalità, competenza e senso del dovere lavorano in delicati settori della nostra Amministrazione, contribuendo a garantire la sicurezza nazionale e la stabilità internazionale, in totale sinergia con la componente militare della Difesa”.

Durante la giornata dedicara al Personale Civile dell’Amministrazione della Difesa

“Per la delega alla Formazione del personale civile, ricevuta dal Ministro della Difesa On. Crosetto – ha spiegato Rauti – ho avuto modo di apprezzare l’impegno e l’attenzione rivolti anche a questo settore, concepiti come aggiornamento continuo e approfondimento costante.  A tutto il personale civile della Difesa rivolgo i miei auguri per la Giornata di oggi ed il più sentito ringraziamento per il lavoro quotidiano che svolgono con passione e senso di appartenenza alla famiglia della Difesa. Un pensiero particolare va alle tante donne del personale Civile, entrate nell’Amministrazione della Difesa nel 1951, molto prima quindi del personale femminile in uniforme (2000) e dunque pioniere e protagoniste di un percorso di parità oggi pienamente compiuto”.

Anche il Sottosegretario di Stato alla Difesa, Matteo Perego di Cremnago, ha voluto esprimere un ringraziamento al Personale Civile: “La giornata di oggi, ha un significato molto importante, di riconoscimento per quello che donne e uomini con il loro contributo quotidiano si confermano indispensabili per il Dicastero e per la collettività. La situazione geopolitica attuale, complessa e critica, necessita un potenziamento oggettivo delle capacità del Sistema Difesa del Paese, la forza del connubio tra componente civile e militare del comparto è fondamentale. Grazie per tutto quello che ogni giorno fate – conclude il Sottosegretario – spesso in silenzio, lontano da riflettori e con grande abnegazione e professionalità, il futuro è pieno di sfide che dovremo affrontare tutti insieme per vincerle”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore