DIMDEX 2024: il sottosegretario Matteo Perego di Cremnago visita l’importante salone di Doha

DOHA. “Con il Qatar vi è una cooperazione consolidata” afferma il sottosegretario di Stato alla Difesa Matteo Perego di Cremnago in visita, su delega del ministro Crosetto, al Doha International Maritime Defence Exhibition & Conference (DIMDEX) “e in questo salone, tra i più importanti al mondo, c’è molta Italia. Sono presenti molte aziende Nazionali del settore Difesa sia per significative progettualità già in corso con il Qatar sia con l’obiettivo di conferire nuovo impulso a opportunità future”.

La visita al salone ha preso il via con un cordiale incontro con il Vice Primo Ministro e ministro della Difesa Khaled Al Attiyah, che ha confermato l’eccellente stato della collaborazione bilaterale.

Un momento della visita

Il sottosegretario, accompagnato dall’Ambasciatore d’Italia a Doha Paolo Toschi, si è soffermato negli stands delle aziende Italiane per poi recarsi in visita a Nave Martinengo, la settima fregata della classe FREMM della Marina Militare nel porto di Hamad. La Nave è stata visitata anche dal Capo di Stato Maggiore della Difesa Qatarino Gen Salem Al Nabit.

Nell’indirizzo di saluto all’Equipaggio del Martinengo, il sottosegretario Perego ha sottolineato come l’Unità Navale sia già stata protagonista di due missioni, la prima in mar rosso e la seconda come flagship della missione ATALANTA, entrambe a tutela degli interessi nazionali, l’economia e prosperità del Paese, dei nostri porti e la sicurezza dei nostri mercantili.

“In questo difficile scenario geopolitico, UE e Italia stanno attivando” ha continuato Perego a bordo del Martinengo “con l’imminente approvazione nel nostro parlamento, la missione dedicata in Mar Rosso, Aspides.

Voi dal 3 gennaio scorso siete già in mare per la protezione dei mercantili e interessi nazionali dalla minaccia Houthi, e dall’11 febbraio in Atalanta sotto il comando italiano in mare della 46esima rotation con l’Ammiraglio Francesco Saladino, per assicurare la libertà di navigazione in golfo di Aden e bacino somalo dalla crescente minaccia della pirateria”.

“I numeri di EUNAVFOR ATALANTA” ha poi concluso il sottosegretario, “sono incredibili, dal 2009 sono stati oltre 3000 le unità protette, più di 3milioni di tonnellate di cibo e aiuti forniti, circa 16000kg di droga sequestrata e ben 171 Pirati trasferiti alle autorità competenti di cui 145 condannati. Anche in questi numeri c’è, di nuovo, molta Italia; la scorta ai mercantili e l’arresto dei pirati effettuate nei giorni scorsi sono segnali evidenti dell’efficacia dell’azione condotta dal Martinengo, come efficace è stato l’intervento di Nave Duilio in Mar Rosso con la neutralizzazione di un drone Houthi. Il Nostro Paese è, grazie a tutti voi, protagonista in queste importanti missioni che affermano il ruolo internazionale dell’Italia come attore protagonista della sicurezza globale. Grazie per quello che fate ogni giorno e per come lo fate”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore