Esercito, il 2° Reggimento Aves “Sirio” vola sullo Stromboli per il ripristino delle comunicazioni

Di Francesca Cannataro

Lamezia Terme. Ancora una volta il 2° Reggimento dell’Aviazione dell’Esercito “Sirio” in prima linea. Nei giorni scorsi, infatti, un elicottero del reggimento di stanza a Lamezia Terme ha trasportato personale tecnico e materiali in vetta allo Stromboli, per ripristinare le comunicazioni telefoniche compromesse dall’attività vulcanica.

Diversi e importanti disservizi erano stati causati nei giorni scorsi dalle eruzioni del vulcano segnalate dalla Telecom Italia Mobile S.p.A danneggiando e deteriorando i cavi telefonici ed il ponte radio di Ginostra con comprossione di collegamenti di telefonia fissa e mobile in tutta la zona.

La richiesta di supporto per trasportare tecnici e materiale pesante sulla sommità dell’isola è pervenuta nel tardo pomeriggio di giovedì 4 luglio al Dipartimento della Protezione Civile che ha attivato il Comando Operativo di Vertice Interforze della Difesa. Lo Stato Maggiore dell’Esercito ha richiesto la fattibilità dell’operazione al Comando Aviazione dell’Esercito che ha assegnato la missione al 2° reggimento “Sirio”.

L’arrivo dell’elicottero con il carico sulla sommità dello Stromboli

Nelle prime ore della mattina del 5 luglio, quindi, un elicottero AB 412 dell’Esercito è decollato dalla Base di Lamezia Terme per Milazzo. Atterrato nel campo sportivo della città, l’equipaggio ha effettuato un briefing di coordinamento dell’attività con i tecnici responsabili della manutenzione. Con una prima sortita di volo sono stati trasportati a Ginostra 5 operatori addetti alla riparazione dei ponti radio ed alla sostituzione dei cavi bruciati. Successivamente, l’aeromobile ha trasportato al gancio baricentrico due bobine di cavi telefonici, del peso complessivo di circa 600 kg, depositandole in prossimità dell’antenna.

Il decollo dell’AB 412 dell’EI dallo stadio di Milazzo con il carico

La cooperazione del reparto di volo dell’Esercito ha permesso il trasporto di personale tecnico e di materiale pesante in una zona particolarmente impervia, altrimenti irraggiungibile in breve tempo, risolvendo in modo celere ed efficace un disagio considerevole come quello dell’interruzione delle comunicazioni nel contesto delle eruzioni vulcaniche.

I tecnici ed il carico trasportati dall’elicottero dell’Esercito in prossimità dell’antenna

Quello del concorso nelle pubbliche calamità è uno dei compiti della Forza Armata che ne caratterizza la versatilità d’impiego in favore della popolazione. L’Aviazione dell’Esercito, in particolare, in questo periodo fornisce con i propri assetti di volo un significativo contributo anche nella lotta agli incendi boschivi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore