Esercito: a Torino, 40 ufficiali del 200° corso “Dovere” e del 34° corso della Riserva selezionata giurano fedeltà alla Repubblica

Torino. Sei ufficiali del 200° corso “Dovere” e 30 frequentatori del 34° corso per ufficiali delle Forze di Completamento nominati nella Riserva Selezionata dell’Esercito, ieri, a Palazzo Arsenale di Torino, storica sede del Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione  hanno giurato fedeltà alla Repubblica.

Un momento del giuramento

Dinanzi alla Bandiera d’Istituto della Scuola di Applicazione dell’Esercito, decorata di Medaglia d’Argento al Valore Militare, alla presenza del Comandante dell’Ente di Formazione, Generale di Divisione Salvatore Cuoci, gli ufficiali hanno pronunciato la formula del giuramento individuale, confermando solennemente il proprio impegno a servire il Paese con fedeltà e onore.

Il Generale Cuoci, rivolgendosi ai giurandi, ha sottolineato come il giuramento sia “l’impegno più solenne che un soldato possa contrarre soprattutto verso se stesso”.

L’intervento del Generale di Divisione Salvatore Cuoci

E’ anche “un atto che affonda le sue radici in tempi immemori, eppure, a tanti secoli di distanza, la fedeltà e la lealtà sono rimasti i capisaldi di quell’impareggiabile patrimonio di valori che ogni militare onora e custodisce”.

I Sottotenenti del 200° corso “Dovere” sono ufficiali del ruolo normale, provenienti dall’Accademia Militare di Modena.

Presso la Scuola di Applicazione, completeranno l’iter formativo e universitario a premessa del loro impiego presso gli Enti e Reparti della Forza Armata.

Il bacino della Riserva Selezionata è invece costituito da professionisti provenienti dalla vita civile, ai quali, sulla base dell’età e delle competenze acquisite, è conferito il grado di ufficiale (da Sottotenente a Maggiore).

Per questa categoria di personale è previsto un ciclo formativo di cinque settimane finalizzato a fornire ai frequentatori le conoscenze necessarie per un loro corretto inserimento nella Forza Armata, in previsione di un futuro impiego in contesti operativi nazionali e internazionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore