Esercito: la Brigata Paracadutisti “Folgore” conclude in Giordania la Eager Lion 24. Addestramento congiunto con britannici, statunitensi e saudite

AMMAN. La Brigata Paracadutisti “Folgore” ha condotto, nelle scorse settimane, in Giordania, l’esercitazione “Eager Lion 24”.

Un momento dell’attiivtà addestrativa

In particolare, il Reggimento “Savoia Cavalleria” (3°) e l’8° Reggimento Genio Guastatori Paracadutisti “Folgore” hanno schierato un complesso minore composto da un Plotone di Cavalieri Paracadutisti, un team JTAC, due team sniper e un Plotone di Guastatori Paracadutisti con capacità search, breaching e demolition.

Il complesso, inserito in un Combined Joint Task Force (CJTF) multinazionale, ha affrontato una serie di momenti addestrativi che hanno visto l’impiego del CJTF nel combattimento contro un avversario in grado di impiegare, simultaneamente e in modo adattivo, mezzi convenzionali e non convenzionali culminando con un atto tattico finale, a fuoco, spiccatamente Combined Arms.

 

I Paracadutisti della Folgore alla Eager Lion in Giordania

L’addestramento, svolto insieme a unità britanniche, giordane, statunitensi e saudite, ha rappresentato un fruttuoso scambio di expertise nei vari moduli proposti quali le operazioni in area urbanizzata, l’impiego dei tiratori scelti, le reazioni alla minaccia UAV e le attività di Breaching e demolition.

Analogamente alle numerose esercitazioni internazionali svolte dalla “Folgore” ogni anno, la “Eager Lion 24” ha pienamente raggiunto il suo principale obiettivo: incrementare l’interoperabilità fra unità di Paesi amici ed alleati, in un contesto caratterizzato da un forte realismo addestrativo e in un ambiente tipicamente warfighting.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Autore