Esercito: nuova operazione interforze nella Terra dei Fuochi. Sequestrate 3 mila metri quadrati di aree

Caserta.  Proseguono i controlli del territorio, nell’ambito dell’Operazione  “Terra dei Fuochi”, mirati ad accertare eventuali illegalità nel ciclo dei rifiuti, secondo una pianificazione coordinata dalla Prefettura di Napoli e la Prefettura di Caserta, su programmazione dell’Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella Regione Campania.

Un militare dell’Esercito in un sito controllato

Ieri i controlli straordinari hanno interessato i Comuni di Melito (Napoli), Mugnano di Napoli (Napoli) e di Marcianise (Caserta).

Ventidue gli equipaggi operativi per un totale di 50 unità interforze appartenenti al Raggruppamento Campania dell’Esercito (comandato dal Colonnello Umberto Curzio), alla Guardia di Finanza di Giugliano in Campania (Napoli), ai Carabinieri di Melito (Napoli), alla Polizia Metropolitana partenopea, alla Polizia di Stato di Giugliano-Villaricca (Napoli), ai Carabinieri Forestale di Napoli (Napoli), alla Polizia Municipale di Napoli -sezione ambientale, alla Guardia di Finanza Territoriale di Marcianise (Caserta), ai Carabinieri Forestali di Marcianise (Caserta), ai Carabinieri di Marcianise (Caserta), alla Polizia di Stato di Marcianise (Caserta),  alla Polizia Provinciale di Caserta,  alla Polizia Municipale di Marcianise (Caserta)  e all’ARPAC di Caserta.

Molto importante l’uso dei droni per il controllo dall’alto del territorio

Sono state controllate 6 attività imprenditoriali e commerciali, di cui 2 sono state sanzionate, 51 persone identificate, di cui 10 denunciate tra lavoratori irregolari e rei di illeciti ambientali, 17 auto/autocarri controllati e circa 3 mila metri quadrati di aree sequestrate e oltre 13 mila euro di sanzioni comminate.

Gestione e smaltimento illecito dei rifiuti e degli scarti delle lavorazioni i reati contestati.

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore